Concorrenza: penale per cambio gestore? Ecco quando scatta

Una nota del Ministero chiarisce il giallo delle penali. Che in pratica ci saranno quasi sempre

Penali su telefonia, internet e tv solo se il cambio di gestore avviene in seguito a promozioni (e con costi più trasparenti). Nessuna penale invece sui contratti di abbonamento standard. Lo prevede il disegno di legge sulla concorrenza approvato venerdì scorso dal Consiglio dei ministri su proposta del ministero dello Sviluppo economico. Ministero che, in seguito alle polemiche in merito, ha sentito la necessità di precisare la questione con la nota che segue.

Vedi anche:
Liberalizzazioni a metà. Cosa cambia per le nostre tasche
Cambiano le RC Auto: ecco come ottenere i nuovi sconti
Rateizzazione Equitalia: tasse in 10 anni e stop al pignoramento della casa
Poste: stangata sulle tariffe in attesa della privatizzazione. Tutti gli aumenti

LA NOTA – Il disegno di legge sulla concorrenza approvato venerdì scorso dal Consiglio dei ministri su proposta del Ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi non prevede in alcun modo la reintroduzione di penali per chi recede dai contratti di abbonamento a telefoni fissi e mobili, internet o a pay-tv. E’ quanto precisa una nota ministeriale a proposito di errate interpretazioni riprese oggi da alcuni giornali.
La norma inserita nel disegno di legge non cambia infatti le disposizioni generali in materia di recesso anticipato dai contratti di telefonia, internet e tv (già regolati dal DL 7/2007) ma  disciplina i costi di uscita dalle sole promozioni relativi ai medesimi servizi (come per esempio l’uso di uno smartphone o le partite di calcio gratuite).

In primo luogo fissa un tetto di 24 mesi alla durata delle promozioni stesse.

Secondariamente stabilisce che le eventuali penali – già esistenti nelle promozioni – devono rispettare una serie di stringenti requisiti di trasparenza sia verso il cliente, sia verso il regolatore. In particolare, l’operatore dovrà fornire al consumatore informazione esaustiva in merito all’esistenza e all’entità di costi d’uscita. Dovrà inoltre spiegarne analiticamente al Garante delle comunicazioni, sulla base dei costi effettivamente sostenuti, la giustificazione. (Continua sotto)

In terzo luogo, la norma impone che i costi d’uscita siano proporzionali al valore del contratto e alla durata residua della promozione.

In sostanza, l’effetto delle norme introdotte a favore dei consumatori è quello di chiarire un aspetto precedentemente non definito, allo scopo di ridurre e comunque rendere più trasparenti i costi complessivi di uscita dalle promozioni promuovendo la mobilità del cliente.
Ciò che era vietato fino a oggi continuerà a esserlo anche dopo l’entrata in vigore della nuova legge sulla concorrenza, e anzi le pratiche commerciali già in atto saranno soggette a vincoli più stringenti a tutela del consumatore.

PROMOZIONI – E’ senza dubbio una notizia positiva che vengano fissate la durata delle promozioni, nonchè l’innalzamento dei requisiti di trasparenza nei confronti del consumatore. E’ però altrettanto evidente che un cambio di gestore telefonico avviene quasi sempre in virtù di una promozione da parte di un altro gestore, e dunque “i costi d’uscita proporzionali al valore del contratto e alla durata residua della promozione” saranno pressochè sempre presenti.

Concorrenza: penale per cambio gestore? Ecco quando scatta