Come risparmiare fino al 30% sulla bolletta energetica “spegnendo” alcuni elettrodomestici

Risparmiare energia elettrica si può, senza modificare in modo drastico le proprie abitudini; basta infatti spegnere gli elettrodomestici di casa

Si può risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica? Certo che si può, soprattutto dopo le notizie che risultano dal Progetto Micene, del Politecnico di Milano. Gli scienziati hanno studiato le curve giornaliere dei consumi degli elettrodomestici più diffusi, rivelando informazioni quasi incredibili. È noto a tutti che gli elettrodomestici consumano anche in stand by, quando sono spenti ma in attesa dei comandi da parte di un telecomando o delle manopole presenti; nessuno però aveva mai misurato effettivamente quanto fosse questo consumo, soprattutto valutandolo nel corso della giornata e, conseguentemente nei mesi.

Secondo i risultati del progetto europeo EURECO, le apparecchiature in Stand By consumano in media il 15% della corrente elettrica utilizzata in un anno da una famiglia italiana: questo significa che basterebbe spegnere completamente gli elettrodomestici per ottenere un buon risparmio sulla bolletta dell’energia elettrica, senza quindi modificare in alcun modo le proprie abitudini. Ma da dove viene questo consumo di energia elettrica? Alcuni elettrodomestici non solo mantengono alimentato la minuscola luce a LED, ben evidente sul frontale del dispositivo, ma hanno costantemente in funzione anche altri sistemi, come ad esempio il ricevitore dei comandi del telecomando.

Da quanto risulta dalle ricerche effettuate, il consumo da spento degli elettrodomestici presenti in casa non è altissimo, si va dagli 0,6 kwh al giorno dei condizionatori, agli 0,05 kwh dei televisori. Si tratta di quantità minime, soprattutto se confrontate con il consumo effettivo durante le ore di utilizzo. Se però si sommano queste piccole quantità per tutti i giorni dell’anno, allora si può arrivare a quantità di energia elettrica veramente elevate: per risparmiare basterebbe spegnere i dispositivi con l’interruttore centrale, che spegne anche tutti i sistemi secondari. Per alcuni elettrodomestici la spesa superflua è evidente, soprattutto per le apparecchiature che vengono utilizzate solo occasionalmente, o in alcuni periodi dell’anno.

Si calcola infatti che per i condizionatori si consuma circa il 40% dell’energia totale quanto il dispositivo è spento; ancora più eclatanti i dati sui videoregistratori: da spenti consumano circa il 90% dell’energia elettrica assorbita nel corso dell’anno. Questo perché tali apparecchiature rimangono in stand by praticamente sempre, consumando anche quando non li utilizziamo. Per risparmiare energia elettrica conviene sempre spegnere tutti i dispositivi che abbiamo in casa utilizzando l’interruttore principale.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come risparmiare fino al 30% sulla bolletta energetica “spegnend...