Come prelevare gratis al Bancomat?

Quando si prelevano contanti al Bancomat sono previste sempre delle commissioni? Ecco in quali casi si potrà prelevare gratis. 

Il Bancomat, ovvero la carta di debito, è una carta di pagamento collegata al conto corrente, che molto spesso non prevede costi relativi al canone mensile di gestione, né previsti per la sua attivazione. 

Tra le diverse operazioni che si possono effettuare con questa carta di pagamento, quali i pagamenti virtuali, le ricariche telefoniche e il pagamento delle bollette, troviamo anche il prelievo di contante

Quali sono i casi nei quali si potrà effettuare un prelievo gratuito con il Bancomat? Vediamo di seguito quali sono le opzioni disponibili attualmente in commercio, partendo dal funzionamento di un prelievo allo sportello ATM. 

Qui puoi confrontare le migliori carte di pagamento con cui fare bancomat. 

Come funzionano i prelievi presso uno sportello ATM 

La prima precisazione da fare è che lo sportello automatico presso il quale è possibile prelevare contanti viene comunemente chiamato Bancomat. In realtà, si tratta di una denominazione errata in quanto il Bancomat è la carta di debito e non lo sportello in sé. 

Sul territorio nazionale, solitamente nei pressi delle banche, è collocato un gran numero di sportelli automatici (ATM è l’acronimo di Automated Teller Machine): il vantaggio dei Bancomat è rappresentato dal fatto che sarà possibile prelevare contanti presso qualsiasi ATM e non necessariamente presso quello della propria banca. 

Si tratta di una possibilità non indifferente, in quanto:

  • sarà sufficiente individuare la presenza del circuito di appartenenza della propria carta per poter prelevare contanti presso uno specifico sportello automatico;
  • si potranno in questo modo prelevare contanti anche in un Paese straniero. 

Parlando dell’operazione fisica di prelievo allo sportello, sarà sufficiente:

  • inserite la propria carta di pagamento dell’apposita fessura;
  • digitare il relativo codice PIN, prestando attenzione a coprirlo nel momento in cui lo si inserisce per evitare che possa essere sfruttato da eventuali malintenzionati;
  • indicare l’importo che si ha intenzione di prelevare.

Si ricorda di prestare molta attenzione nel momento in cui si digita il codice PIN della carta in quanto al terzo tentativo errato quest’ultima sarà bloccata e non sarà più possibile tentare di prelevare dei soldi. Si dovrà, inoltre, chiamate il numero verde associato alla carta per richiedere che venga sbloccata. 

L’operazione si concluderà con l’emissione della carta da parte del macchinario e delle banconote che sono state richieste. Potrebbe succedere che, in caso di indisponibilità di contanti da parte del singolo ATM, non sia possibile completare l’operazione. 

Altre operazioni disponibili presso gli ATM

Per completezza di informazioni, ricordiamo che presso gli sportelli ATM sarà possibile effettuare anche altre tipologie di operazioni, quali per esempio:

  • consultare tutte le movimentazione bancarie, il saldo e l’estratto conto;
  • pagare utenze e bollettini;
  • ricaricare la propria SIM o una carta prepagata. 

Presso alcuni sportelli sarà anche possibile versare denaro contante o persino assegni bancari. 

Prelievi con il Bancomat: sono sempre previste delle commissioni?

La regola generale prevede che:

  • quando si prelevano dei soldi presso la propria banca, non siano previsti dei costi;
  • nel caso di prelievi presso l’ATM di un’altra banca, potrebbero essere applicate delle commissioni;
  • le commissioni siano maggiori nel caso di prelievo in un Paese straniero, soprattutto per quelli che non si trovano in zona Ue. 

Gli sportelli automatici hanno sicuramente rappresentato una grande rivoluzione per il prelievo di contanti, in quanto non rendono necessario doversi recare in modo obbligatorio in banca e, inoltre, sono disponibili tutti i giorni (anche nei festivi e prefestivi) e a qualsiasi ora. 

Nel caso dei prelievi, bisogna inoltre ricordare che ogni carta prevede un limite massimo di contanti che si possono ritirare per singola operazione e un limite massimo che non potrà essere superato nel corso di una singola giornata. 

Per quanto riguarda le commissioni (e, dunque, la possibilità di prelevare gratis), è molto importante leggere con attenzione le informazioni relative alla carta di debito associata al conto corrente sottoscritto per avere la certezza di non doverle sostenere. 

Come non pagare le commissioni sul Bancomat

Le commissioni sui prelievi di contante tramite Bancomat possono corrispondere:

  • a una quota fissa applicata sul singolo prelievo;
  • a una percentuale applicata sul prelievo: questa formula è prevista spesso nel caso dei prelievi all’estero. 

Le commissioni possono avere un costo variabile, che generalmente si attesta sui 2 euro, ma esistono carte di debito per le quali i prelievi sono gratuiti, mentre ce ne sono altre per le quali la gratuità è prevista solo su un determinato numero di prelievi. 

Volevo fare qualche esempio, il conto corrente Arancio di ING, che prevede un canone di gestione a costo zero, si caratterizza per i prelievi gratuiti presso gli ATM di altre banche. Lo stesso vale nel caso in cui si scegliesse di sottoscrivere il conto corrente online Dots, oppure il conto online di Webank

In questo caso, sarebbero gratuiti:

  • i prelievi presso gli ATM di altre banche;
  • i prelievi allo sportello;
  • i prelievi all’estero, in zona Ue. 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come prelevare gratis al Bancomat?