Come diminuire le bollette gas agendo sui consumi: 5 consigli

Quali sono i consigli che si possono mettere in pratica se si vuole risparmiare sulla bolletta del gas, in vista dell’inverno. 

Sono due i motivi principali che hanno contribuito agli aumenti recenti della bolletta del gas. Da un lato, troviamo l’aumento della materia prima gas, che ha provocato delle conseguenze dirette sui costi spettanti al consumatore finale. 

Dall’altro, invece, l’aumento dei costi da sostenere sulla bolletta del gas è dovuto all’annuale accensione dei riscaldamenti, che in alcune Regioni è scattata il 15 ottobre scorso. Risparmiare sul gas è comunque possibile se si mettono in pratica alcuni semplici suggerimenti: eccone 5 che sono davvero facili da realizzare. 

1. Effettuare la manutenzione della caldaia

Oltre alla riduzione dei consumi derivante da un utilizzo oculato del riscaldamento, che si dovrebbe accendere soltanto nella stanza che si sta effettivamente utilizzando, ci sono altre soluzioni per ridurre i costi della bolletta del gas

Il primo consiste nella regolare manutenzione (e pulizia) della caldaia, la quale dovrà essere effettuata ogni anno con cadenza periodica e che, tra l’altro, è anche obbligatoria per legge. 

Il controllo alla caldaia risulta indispensabile perché permette di individuare la presenza di eventuali anomalie, che potrebbero provocare sprechi immotivati di gas. 

A proposito della caldaia, si suggerisce anche di:

  • evitare di tenerla accesa nei momenti in cui non la si utilizza, come nelle ore notturne o quando si è assenti da casa per periodi medio-lunghi;
  • preferire le caldaie a condensazione, le quali sono più efficienti e, qualora venissero abbinate a dei pannelli radianti, permetterebbero di risparmiare in bolletta fino al 30%. 

2. Utilizzare le valvole termostatiche

Anche nei casi in cui si abiti in un condominio in cui il riscaldamento è centralizzato, si avrà la possibilità di regolare la temperatura dei termosifoni tramite l’utilizzo di valvole termostatiche

In particolare, si consiglia anche di procedere con l’eventuale sostituzione di vecchie valvole: in questo modo si avrà la possibilità di far abbassare le spese fino al 15%. Per verificare il corretto funzionamento dei termosifoni, si consiglia anche di farli spurgare, prima di accenderli. 

Nell’ipotesi in cui si decidesse di comprare un radiatore nuovo, sarebbe meglio prenderne uno con una valvola di sfiato già inserita. Come regola generale, è inoltre bene evitare di lasciare i panni bagnati ad asciugare sui termosifoni, che non dovrebbero essere mai coperti. 

3. Trovare forme di riscaldamento alternative

Una valida soluzione per riuscire a risparmiare sul riscaldamento a metano, consiste nella scelta dei pavimenti riscaldanti, attraverso l’installazione di pannelli radianti a pavimento. Così facendo si potrà non solo ridurre il consumo di gas, ma anche riuscire a recuperare spazio in casa. 

Tra le forme di riscaldamento alternativo, si possono poi prendere in considerazione anche:

  • i pannelli fotovoltaici;
  • le pompe di calore. 

A questo proposito, si potrebbero sfruttare i bonus stanziati dal Governo e che si potranno applicare su interventi di diverso tipo, quali lavori di ristrutturazione o di riqualificazione energetica. 

Oltre ai riscaldamenti, si ricorda anche che a incidere sulla bolletta del gas, può essere pure il consumo che se ne fa in cucina: per ridurlo, è bene utilizzare le padelle su fornelli che siano adeguati al loro diametro e coprirle quando sono sul fuoco, oltre che spegnere il gas poco prima della fine della cottura, così da sfruttare il calore residuo.

4. Sfruttare gli incentivi statali

Per tutto il 2021, è prevista l’erogazione automatica del bonus sociale gas (e di quello elettrico) per le famiglie che si trovano in determinate condizioni di disagio economico. In particolare, per riceverlo si dovrà rientrare in una delle seguenti 3 condizioni:

  1. appartenere ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro;
  2. appartenere ad un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro;
  3. appartenere ad un nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Il bonus si riceverà direttamente sulla bolletta del gas sotto forma di sconto. Ci sono poi altri bonus con i quali si potrà accedere a una serie di detrazioni fiscali, che potranno portare alla riduzione dei consumi di gas (e luce). 

Si tratta, per esempio:

  • della detrazione al 65% prevista per l’installazione dei pannelli solari per la produzione di acqua calda;
  • della detrazione al 50% per l’installazione di impianti fotovoltaici con accumulo per la produzione di energia elettrica.

5. Scegliere una delle offerte del mercato libero 

Un’ultima soluzione che permetterà sicuramente di abbattere il costo della bolletta del gas consiste nel passaggio al mercato libero: la comparazione delle migliori offerte disponibili sul mercato è la chiave per trovare quella che si adatta meglio ai propri bisogni. 

Si consiglia, in particolare, di puntare:

  • sulla scelta di una tariffa che abbia un prezzo bloccato;
  • sull’attivazione di una tariffa Dual Fuel, ovvero con lo stesso fornitore sia per la luce sia per il gas. 

Scopri quali sono le offerte gas del mercato libero con le quali risparmiare di più

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come diminuire le bollette gas agendo sui consumi: 5 consigli