Colf e badanti, aumentano i contributi. Scadenza versamenti il 10 giugno

I contributi relativa al primo trimestre 2020 dovranno essere pagati entro il 10 giugno 2020 in unica soluzione, senza sanzioni né interessi di mora.

Il 10 giugno scade la proroga prevista dall’articolo 37 del decreto legge n. 18/2020 (Cura Italia) che ha sospeso i termini per il pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria in scadenza nel periodo dal 23 febbraio al 31 maggio 2020.

Per i datori di lavoro di colf e badanti, quindi, i contributi relativa al primo trimestre 2020 che avevano la scadenza ordinaria il 10 aprile non versati, dovranno essere pagati entro il 10 giugno 2020 in unica soluzione, senza sanzioni né interessi di mora.

Salgono (di poco) i contributi

La scadenza del 10 giugno coincide con un piccolo aumento del costo della contribuzione Inps: sale infatti dello 0,5% delle retribuzioni convenzionali (variazione dell’indice del costo della vita: più 0,5%) su cui viene calcolata la contribuzione.
Si tratta di un aumento minimo: per una colf con paga oraria di 9 euro si pagherà solo un centesimo in più.

Proroga contributi colf e badanti, scadenza il 10 giugno 2020

I contributi di colf e badanti devono essere pagati trimestralmente, sulla base delle seguenti scadenze:

  • dal 1° al 10 aprile per il primo trimestre;
  • dal 1° al 10 luglio per il secondo trimestre;
  • dal 1° al 10 ottobre per il terzo trimestre;
  • dal 1° al 10 gennaio dell’anno successivo per il quarto trimestre.

La proroga prevista del decreto Cura Italia del 16 marzo 2020 rinvia le scadenze intercorrenti tra il 23 febbraio ed il 31 maggio e, considerando i termini ordinari di pagamento, il rinvio si applica alla prima rata dei contributi. La scadenza del 10 aprile 2020 slitta quindi al 10 giugno 2020.

Come si pagano i contributi

A partire da quest’anno (2020), i contributi di colf e badanti potranno essere pagati online, tramite il Portale dei Pagamenti, oppure nelle seguenti modalità alternative:

  • con avviso di pagamento pagoPA, presso i canali dei Prestatori di Servizio di Pagamento (PSP) aderenti;
  • agenzie della banca;
  • uffici postali;
  • home banking dei Psp;
  • sportelli Atm abilitati delle banche;
  • punti vendita Sisal, Lottomatica e Banca 5;
  • con avviso di pagamento pagoPA, presso i canali dei Psp che non hanno aderito direttamente alla convenzione pagoPA, tramite il circuito Cbill, utilizzando il codice interbancario AAQV6 assegnato a Inps.

 

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Colf e badanti, aumentano i contributi. Scadenza versamenti il 10 giug...