Cassa integrazione: all’Italia altri 6,5 miliardi Ue da Sure

La Commissione Europea ha versato altri 14 mld di euro a 9 Stati membri dell'Ue, la seconda rata dei prestiti previsti dal programma Sure. Di questi, 6,5 mld di euro vanno all'Italia.

L’Italia riceverà oggi altri 6,5 miliardi di euro sotto forma di prestiti dal programma europeo Sure per finanziare le cig nazionali durante la pandemia. Lo annuncia su Twitter la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen.

La Commissione Europea ha quindi versato altri 14 mld di euro a 9 Stati membri dell’Ue, la seconda rata dei prestiti previsti dal programma Sure. Di questi, 6,5 mld di euro vanno all’Italia e 4 mld alla Spagna.

Il programma Sure, è uno dei tre pilastri varati dall’Unione europea prima del Recovery Fund per contrastare gli effetti della crisi causata dal coronavirus. I fondi servono per finanziare l’aumento della spesa pubblica per difendere l’occupazione nella crisi provocata dalla pandemia di Covid-19.

“Europa e Italia sono impegnate al massimo per proteggere i posti di lavoro e aiutare le lavoratrici e i lavoratori più colpiti dalla pandemia”, afferma in un tweet il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri.

“Con il fondo Sure proteggiamo le nostre imprese e i nostri lavoratori. Insieme ce la facciamo. L’Europa e’ la nostra comunita’ di destino”. Lo scrive su Twitter il ministro degli Affari Europei, Vincenzo Amendola, commentando il post con il quale la presidente della Commissione Europea.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cassa integrazione: all’Italia altri 6,5 miliardi Ue da Sure