Caso Volkswagen: a rischio le Seat di Polizia e Carabinieri

La casa spagnola, sotto il controllo del gruppo tedesco, fornisce le nostre forze dell'ordine

Il caso Volkswagen, nell’occhio del ciclone per le false comunicazioni sulle emissioni e a rischio ‘class action’ anche in Italia, potrebbe in qualche modo coinvolgere anche le autovetture in dotazione ai Carabinieri ed alla Polizia Stradale italiana. le Seat Leon acquistate per le forze dell’ordine sono infatti nell’elenco delle auto con le emissioni “truccate”. Le nuove Pantere e Gazzelle potrebbero essere richiamate dalla Volkswagen per un controllo alla centralina. Su queste auto è montato il motore 2.0 TDI da 150 CV, e sono omologate come Euro 5. Fra le condizioni del bando del Viminale non c’era infatti l’omologazione Euro 6, ma solo l’Euro 5.

IL BANDO – Il bando del Viminale interessava Inizialmente 206 vetture: 100 destinate alla polizia e 106 ai carabinieri, con la possibilità di una commessa totale fino a 4.000 macchine nei prossimi 3 anni, per un totale di 184 milioni di euro. “L’aggiudicazione di questa gara pubblica – è scritto in un comunicato diramato a luglio, il giorno della consegna nella sede della Volkswagen a Verona – rappresenta per Seat un’importante affermazione della strategia di crescita e consolidamento in ambito flotte e della propria immagine. Finora sono già stati raccolti 925 ordini, di cui 475 pantere e 450 gazzelle”.
Il modello scelto è la Leon con il motore 2.0 Tdi da 150 cavalli. Ciascuna pagata 43.897 euro.

Proprio il modello di Seat Leon in dotazione a Polizia e Carabinieri è stato inserito nella black lista delle vetture stilata dall’amministratore delegato di Volkswagen Italia, Massimo Nordio, e consegnata sabato a tutti i concessionari italiani per fermare la vendita a scopo precauzionale.

Peraltro si tratta della prima volta in cui Polizia e Arma dei Carabinieri hanno scelto la stessa vettura, oltretutto straniera, cosa che non ha mancato di suscitare aspre polemiche. Tutte le 4.000 vetture previste sui prossimi tre anni saranno comunque coperte da un pacchetto di garanzia e manutenzione della durata di sei anni o 150.000 km. Sempre a luglio Seat-Vw affermava che le prime 206 vetture sarebbero state messe su strada entro la fine dell’estate.

Leggi anche:
Volkswagen: i consumatori italiani preparano la class action
Il caso: le pensioni privilegiate delle forse dell’ordine

Caso Volkswagen: a rischio le Seat di Polizia e Carabinieri