Casa, per le compravendite il 2017 fa rima con crescita (+4,9)

Boom a Bari (+ 15,1), Bologna, unica realtà in ribasso (-3,3%). Lo dice l'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa

(Teleborsa) Non siamo ancora usciti completamente dalla crisi, ma sembra proprio che inizi a vedersi la luce in fondo ad un lunghissimo tunnel. Continua, dunque, il lungo ma incoraggiante percorso di ripresa. A confermarlo l’Ufficio  Studi del Gruppo Tecnocasa, sulla base dei dati forniti dall’Agenzia delle Entrate, che ha analizzato l’andamento delle compravendite nelle grandi città italiane nel 2017.

Un 2017 che fa rima con crescita, praticamente ovunque – Il trend a livello nazionale conferma i segnali positivi che arrivano dal mercato. Anche se la crescita sta rallentando, lontana da quella a due cifre del 2016, a livello Italia le transazioni residenziali nel 2017 sono state 542.480 con un aumento del +4,9% rispetto al 2016. Tutte le principali città della Penisola hanno mostrato volumi in leggero aumento, ad eccezione di Bari che ha fatto segnare un significativo +15,1%. Per Milano la crescita delle compravendite è stata dell’8,1%, per Roma del 3%, per Firenze del 7,8%, per Napoli del 7,4% e per Palermo del 7,9%. In controtendenza, Bologna , che è l’unica realtà in ribasso, con -3,3%.

Buone notizie, dunque, anche grazie ai prezzi più accessibili, ad un generale clima di fiducia e, ai mutui più convenienti. Che la casa, infatti, sia sempre in cima ai pensieri degli italiani lo ha confermato di recente l’Osservatorio elaborato da MutuiOnline.it che ha evidenziato un progressivo aumento dei mutui erogati per acquisto prima casa (40,7%), rispetto al 35% del 2016 e al 29,3% del 2015, di contro a una graduale riduzione dei mutui per surroga la cui percentuale è scesa dal 64,6% del 2015 al 50,6 % in chiusura del 2017.

ACQUISTO PRIMA CASA SEMPRE IN CIMA AI PENSIERI DEGLI ITALIANI – Nello specifico, infatti, numeri alla mano, il IV trimestre del 2016, aveva fatto registrare una percentuale del 46,8% dei mutui erogati per l’acquisto della prima casa in crescita rispetto al I trimestre (33%).

E NON SOLO – Sembra proprio che l’acquisto della casa metta tutti d’accordo. Italiani e stranieri. Sale, infatti, anche la quota di immigrati extraeuropei residenti in Italia che sottoscrivono un finanziamento per acquistare un immobile. La percentuale, calcolata sempre dall’Ufficio studi del Gruppo Tecnocasa, si è attestata nel primo semestre 2017 al 4,3%, contro il 4,1% del gennaio-giugno dell’anno precedente, come riporta la news “I mutui italiani convincono anche gli stranieri”.

Casa, per le compravendite il 2017 fa rima con crescita (+4,9)