Carte di credito da usare in vacanza all’estero

Quali sono le migliori carte di credito che si consiglia di prendere in considerazione per andare in vacanza in un Paese straniero. 

Andare in vacanza con una carta di pagamento è il metodo migliore per partire “leggeri”, ovvero senza la necessità di dover cambiare i soldi in contanti nella valuta straniera prima di partire. 

Quali sono i parametri delle carte di credito ai quali prestare attenzione se si sta organizzando una vacanza in un Paese straniero? Ci sono due elementi che non si possono assolutamente ignorare e che permettono di trovare la soluzione ideale per il proprio viaggio. 

Il primo è l’assenza di commissioni nel momento in cui si effettuano pagamenti in valuta estera, che solitamente corrispondono a una percentuale da applicare di volta in volta sull’importo speso o a un importo fisso. 

Il secondo, invece, è rappresentato dalla commissione da pagare sul posto nel caso in cui si volessero prelevare dei contanti: bisognerà quindi verificare se le commissioni sono gratuite, oppure no, e in quali Stati, e a quanto ammonta l’eventuale costo da sostenere. 

Fatta questa indispensabile premessa passiamo all’analisi di quelle che sono alcune delle soluzioni più convenienti per pagare all’estero utilizzando una carta di credito

Clicca per vedere quali sono le migliori carte di credito online attualmente disponibili

Le carte di credito Widiba

Le carte di credito proposte da Widiba hanno dei costi annuali molto bassi rispetto ad altre tipologie di carte di credito e possono essere richieste subito dopo la sottoscrizione del conto corrente online a canone zero di Widiba (che, ricordiamo, è una banca digitale). 

In particolare, ci sono due diverse soluzioni che differiscono per il prezzo e per i limiti imposti. La prima è Widiba Carta Classic, che ha un costo di 20 euro all’anno e un plafond di 1.500 euro. 

La seconda è, invece, Widiba Carta Oro, che può essere richiesta al costo di 50 euro l’anno e che si caratterizza per un plafond di 3.000 euro. In entrambi i casi, si dovrà avere un patrimonio complessivo di 3.000 euro, oppure uno stipendio mensile di almeno 800 euro per poterle richiedere. 

Qual è il motivo per il quale sono consigliate per i viaggi all’estero in Unione europea? Il fatto che le commissioni sul prelievo sono esattamente le stesse di quelle applicate in Italia, ovvero sono pari a 2 euro

L’alternativa alle carte di credito: cosa sono le carte conto

Nonostante le carte di credito siano strumenti di pagamenti molto ambiti, in relazione alla caratteristiche che le contraddistinguono in modo univoco, ci sono anche altre tipologie di carte di pagamento da prendere in considerazione in caso di viaggio all’estero e che non necessitano dell’apertura di un conto corrente per poter essere richieste. 

Si tratta, nello specifico, delle carte conto con IBAN, che si contraddistinguono per il fatto di essere molto simili a un conto corrente (permettono di effettuare e ricevere bonifici, oppure di accreditare lo stipendio o la pensione), ma sono dotate di funzionalità più ridotte. 

Tra le migliori disponibili al momento in commercio troviamo la carta Revolut, che può essere utilizzata comodamente sia per gli acquisti online sia per quelli presso gli store fisici, e può essere usata comodamente dall’applicazione dedicata. 

Tra i punti di forza di questa carta di pagamento troviamo la possibilità di inviare denaro all’estero, in più di 30 valute, al tasso di cambio interbancario. In più con Revolut si avrà anche la possibilità di fare spese all’estero in oltre 150 valute, anche stavolta al tasso di cambio interbancario. 

Si tratta di una carta davvero molto conveniente, che è disponibile in quattro versioni:

  • standard, che ha un canone pari a zero;
  • Plus, disponibile al costo di 2,99 euro al mese;
  • Premium, disponibile al costo di 7,99 euro al mese;
  • Metal, disponibile al costo di 13,99 euro al mese. 

Un’altra carta che si consiglia di valutare per un viaggio all’estero è N26 You, che non prevede alcuna commissione extra sulla valute poco comuni: il tasso di cambio proposto è quello reale, senza alcuna maggiorazione. 

N26 You si caratterizza inoltre per il prelievi gratuiti in qualsiasi valuta, in giro per il mondo, con i quali si potrà risparmiare fino al 7% sulle commissioni. Lo stesso vale anche con la carta N26 Metal, mentre le carte N26 associate a un conto standard prevedono delle commissioni pari all’1,7%. 

La carta N26 You prevede un costo del canone mensile pari a 4,90 euro e un limite massimo di prelievo pari a 2.500 euro. La versione Metal, invece, ha un canone mensile che corrisponde a 16,90 euro al mese. 

In aggiunta prevede:

  • un limite di spesa pari a 20.000 euro al mese;
  • un limite massimo di prelievo pari a 5.000 euro;
  • il pacchetto assicurativo Allianz.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Carte di credito da usare in vacanza all’estero