Carta famiglia: dalla legge di Stabilità un nuovo dispositivo destinato alle famiglie numerose

Entrerà in vigore ad aprile la nuova carta famiglia destinata ai nuclei familiari con più di tre figli: a cosa serve e come fare per ottenerla

Fra i nuovi dispositivi sociali introdotti dal governo per venire in aiuto alle famiglie numerose, c’è anche la carta famiglia, in altre parole una card che, diversamente dalla social card erogata dall’Inps che ha un valore fisso di 80 euro a bimestre, può essere usata solo per l’acquisto di determinati beni e servizi. La nuova carta, infatti, servirà ad abbattere i costi di eventi ludici e ricreativi, oppure per coprire le spese di corsi sportivi o soggiorni turistici e sostenere i costi di alcuni servizi come, ad esempio, quelli di trasporto. Una boccata d’ossigeno, dunque, per i nuclei familiari numerosi, i cui redditi sono spesso insufficienti a coprire tutte le spese mensili.

Tuttavia, l’accesso a questa nuova carta è limitato solo ad alcune tipologie di famiglie: possono richiederla, infatti, solo i nuclei in cui siano presenti almeno tre figli minori a carico; inoltre, per poter ottenere la carta, i redditi complessivi del nucleo familiare non dovranno superare una determinata soglia Isee che verrà stabilita dal decreto attualmente al vaglio del governo. La richiesta della carta famiglia deve essere presentata direttamente presso il comune di residenza, attraverso la compilazione di un modulo. Una volta ottenuta la carta, essa avrà una validità di due anni, dopodiché dovrà essere inoltrata una nuova richiesta. Il disegno di legge prevede, inoltre, che i costi di emissione della card siano a carico dei beneficiari, che dovranno contribuire in misura diversa a secondo del loro reddito. E’ importante notare che la carta famiglia potrà essere richiesta anche da genitori stranieri che abbiano già ottenuto la residenza anagrafica in Italia.

Dal punto di vista pratico, la carta servirà ad usufruire di una serie di sconti per poter poter accedere all’acquisto di alcuni beni e servizi destinati a tutti i componenti del nucleo familiare; sarà dunque reso noto, contestualmente al rilascio della carta famiglia, anche l’elenco dei partner aderenti l’iniziativa,cui le famiglie dovranno ricolgersi per ottenere gli sconti. Un altro utilizzo della card è legato alla possibilità di partecipare a gruppi di acquisto , che consistono in gruppi di persone che si uniscono per comprare ingenti quantitativi di un prodotto direttamente dal produttore, al fine di ottenere un prezzo più vantaggioso. Lo scopo, in questo caso, è di promuovere la formazione di gruppi di acquisto familiari formati da nuclei numerosi.

Immagini: Depositphotos

Leggi anche:
Bonus Inps per famiglie numerose: cosa fare per averlo
Bonus luce e gas 2016: tutte le informazioni per richiederlo
Bonus da 600 euro al mese per le neo-mamme. Come accedere al voucher baby-sitter
Bonus familiari e agevolazioni: quali rimarranno nel 2016
Bonus 80 euro: cosa cambia nel 2016

Carta famiglia: dalla legge di Stabilità un nuovo dispositivo destina...