Caro benzina, prezzi online per maggiore trasparenza

E da fine febbraio una speciale commissione controllerà l'andamento delle tariffe sulla rete stradale

Grazie a un’iniziativa del ministero dello Sviluppo economico, sono pubblicate sul web le tariffe dei carburanti venduti in autostrada, aggiornati ogni settimana. Mentre da fine febbraio una commissione vigilerà sugli aumenti per garantire la trasparenza.

I prezzi sono messi online sul sito dell’Osservatorio prezzi. Sono disponibili le tariffe di tutti i distributori italiani. La ricerca del prezzo può essere effettuata per regione, provincia e nome della tratta. I dati sono aggiornati settimana per settimana, con particolare attenzione ai self service e ai carburanti eco-compatibili.
Per ora il servizio è attivo solo sul web, ma in futuro sarà esteso anche ai cellulari e riguarderà l’intera rete delle stazioni di servizio. L’obbligo per i gestori di comunicare al governo le tariffe è stato introdotto dalla legge sviluppo (art.51, legge n. 99/09) per regolare la concorrenza nel mercato petrolifero. Sono previste sanzioni pecuniarie per chi omette di trasmettere i prezzi, e per chi applica tariffe superiori rispetto a quelle dichiarate.

Con l’inizio della primavera dovrebbe mettersi al lavoro una commissione “per la valutazione delle dinamiche dei prezzi dei carburanti”. Un organo tecnico, composto da rappresentanti del ministero dello Sviluppo economico, del Garante per la sorveglianza dei prezzi, delle associazioni dei consumatori e degli organismi di categoria delle aziende petrolifere, previsto dal Tavolo permanente di confronto, riunitosi a ottobre scorso. La commissione vigilerà sull’andamento dei prezzi dei carburanti e sull’esistenza della fantomatica “doppia velocità” di adeguamento della benzina al variare del costo del petrolio sui mercati internazionali.

Caro benzina, prezzi online per maggiore trasparenza