Capodanno col botto (quello che faranno gli italiani): la stangata di fine anno è servita 

Aumenti di +939,74 euro a famiglia. La previsione di Federconsumatori 

(Teleborsa) Un Capodanno. è proprio il caso di dire,  davvero col botto. Quello che probabilmente faranno gli italiani alle prese con una bella (si fa per dire) stangata di fine anno.
Il 2018 si apre con qualche bella notizia? Neanche per sogno.  Il nuovo anno porterà in dono, tanto per cambiare, rincari sulle tariffe di luce e gas che contribuiranno ad alleggerire un portafoglio già messo a durissima prova.

CODACONS,  AUMENTI SPROPORZIONATI – Gli incrementi delle tariffe luce e gas decisi dall’Autorità per l’energia, infatti,  configurano una vera e propria stangata per le tasche delle famiglie italiane. Lo afferma il Codacons, commentando i rincari del +5,3% per la luce e del +5% per il gas.
Si tratta di aumenti delle tariffe del tutto sproporzionati e che avranno un impatto elevatissimo sui nuclei familiari numerosi e sulle famiglie a reddito medio-basso – spiega il presidente Carlo Rienzi – I rincari sono poi determinati da fattori speculativi che nulla hanno a che vedere con i costi reali di approvvigionamento: basti pensare che alla base del rialzo del +5% del gas vi è la prevista maggiore domanda per i mesi invernali, mentre l’incremento del +5,3% per l’elettricità è causato, tra i vari fattori, anche dagli oneri per la sicurezza del sistema elettrico, che così vengono scaricati interamente sui consumatori”.
“Il 2018 si apre quindi con una stangata per le famiglie italiane, che saranno costrette a spendere di più per utilizzare beni primari e indispensabili come il gas e la luce” conclude Rienzi.

COLDIRETTI, DURO COLPO A FAMIGLIE E IMPRESE – Il rincaro delle bollette andrà a pesare sulle famiglie sì, ma soprattutto sulle imprese (specialmente quelle della filiera agroalimentare), visto che ridurrà il potere d’acquisto delle prime e incrementerà i costi di produzione delle seconde. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare gli aumenti in bolletta, sottolineando che: “Il costo dell’energia si riflette in tutta la filiera e riguarda sia le attività agricole che la trasformazione, la conservazione degli alimenti e le serre”.

FEDERCONSUMATORI, SERVE CAMBIO DI ROTTA – Secondo il presidente di Federconsumatori Emilio Viafora è urgente e necessario “un riordino complessivo del sistema, che da un lato punti a snellire i costi impropri addebitati in bolletta, dall’altro miri alla realizzazione di una vera, trasparente e corretta concorrenza nel settore”.

Capodanno col botto (quello che faranno gli italiani): la stangata di ...