Caos treni, biglietti cancellati e corse soppresse: cosa succederà con i rimborsi?

Migliaia di passeggeri non sono potuti partire dopo lo stop alla capienza piena.

Confusione e caos nel periodo dell’anno in cui sono migliaia i viaggiatori che si spostano da una parte all’altra dello Stivale.  Tantissimi  però domenica non sono potuti partire dopo che è tornato il distanziamento sui treni ad alta velocità.

Risultato dell’ordinanza del Governo che ha ripristinato la possibilità di viaggiare sull’alta velocità solo con il 50% dei passeggeri, la cancellazione di numerosi convogli con annessi disagi.  Italo – che ha stimato di aver lasciato a terra circa 8 mila persone – in una nota rilasciata nella mattinata di ieri ha informato che “si è già attivata per rimborsare i passeggeri nel più breve tempo possibile e sta lavorando per ridurre al minimo eventuali disagi per i prossimi giorni confidando nella comprensione dei suoi clienti”.

Tra le corse soppresse, i collegamenti fra Milano e Ancona, ossia convogli strategici con tutte le località di mare della riviera romagnola.

Anche Trenitalia ha inviato una mail ai viaggiatori ( per far scegliere l’opzione rimborso in caso di cancellazione del treno, oppure per proporre alternative al viaggio) avvisandoli che si atterrà alle nuove disposizioni previste dall’ordinanza firmata sabato dal ministro della Salute Roberto Speranza, su cui il suo portavoce Nicola Del Duce ha assicurato che c’è stata “piena condivisione e con l’obiettivo di tutelare la sicurezza dei viaggiatori”.

 

Nessuno scontro, dunque,  con il ministero dei Trasporti. “Le ricostruzioni su presunte divergenze con il ministro De Micheli relativamente al distanziamento sui treni a lunga percorrenza – ha assicurato – sono del tutto infondate”. 

Nervosismo, ovviamente, tra i viaggiatori, molti dei quali avevano comunque detto di essere preoccupati per la fine del distanziamento (qualcuno ha anche postato sui social foto di treni pieni), ma la preoccupazione principale resta la necessità di raggiungere i luoghi di vacanza e in tanti fanno notare  che “il Governo poteva organizzarsi prima”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Caos treni, biglietti cancellati e corse soppresse: cosa succederà co...