Cambio carta di credito: guida al passaggio a un nuovo istituto di credito

Scopri come funziona l’attivazione di una nuova carta di credito e come scegliere quella più adatta a te. 

Una carta di credito è uno strumento di pagamento che comporta dei costi di mantenimento, quindi si potrebbe sentire la necessità di cambiare nell’ipotesi in cui si dovesse trasformare in una spesa troppo elevata. 

La procedura per cambio carta di credito prevede un passaggio preliminare, ovvero la disdetta da quest’ultima, la quale potrà essere inviata in qualsiasi momento. Più nello specifico:

  • si dovrà rispettare un preavviso di 2 mesi;
  • si dovrà effettuare la comunicazione di disdetta tramite raccomandata assicurata con ricevuta di ritorno, allegando la carta (che dovrà essere invalidata, quindi tagliata in diagonale) in questione e una copia di un documento di riconoscimento in corso di validità.

Oltre all’invio per posta, si potrà anche scegliere di restituire la carta direttamente in filiale. Fatto ciò, come si trova una carta di credito più adatta alle proprie esigenze di budget? L’analisi comparativa è un ottimo punto di partenza, ma ci sono alcune informazioni preliminari da ricordare, che saranno illustrate nel dettaglio nelle prossime righe. 

Confronta le migliori carte di credito online 

Cambio carta di credito e scelta conto corrente

La prima informazione da conoscere – nota a chi è già possessore di una carta di credito – consiste nel fatto che le carte di credito sono legate a un conto corrente, la fonte dalla quale vengono prelevati gli importi di ogni transazione. 

Nel valutare il passaggio a un nuovo istituto di credito per cambio carta di credito, si può partire da:

  • la possibilità di attivare un nuovo conto corrente, scegliendone uno a costo zero, e poi ottenere il rilascio di una carta di credito;
  • trovare un istituto che permetta di avere una carta di credito, pur mantenendo il proprio conto corrente. 

In entrambi i casi, come succede per qualsiasi richiesta di rilascio di una carta di credito, saranno richieste delle garanzie di tipo reddituale, che in genere coincidono con la presentazione di una busta paga per i lavoratori dipendenti o del modello redditi per i titolari di partita IVA. 

Il motivo è legato alla peculiarità di questo strumento di pagamento, che consente di pagare anche per importi che non si possiedono sul conto nel momento in cui viene effettuata la transazione, grazie alla presenza di un plafond mensile. Ogni cifra “presa in prestito” dalla banca dovrà poi essere restituita, in una precisa data concordata. 

Scopri come risparmiare con una carta di credito gratis

Cambio carta di credito e con conto online

Un conto corrente online con carta di credito non è altro che un conto gestibile da remoto (da PC o applicazione dedicata), che presenta tutte le caratteristiche di operatività di un conto corrente tradizionale. 

Il vantaggio, oltre che pratico, è soprattutto economico: si tratta solitamente di conti correnti a zero spese, quindi che non prevedono il classico canone mensile o annuale di gestione, e che comportano anche altre tipologie di sconti, per esempio l’assenza di commissioni sui bonifici online o programmi di cashback nel caso di pagamenti con carta. 

Un esempio di conto online con carta di credito è quello proposto da Widiba, gratuito per i primi 12 mesi di utilizzo – anche se è possibile mantenerne la gratuità nel rispetto di determinate condizioni. 

Questo conto corrente online permette di poter richiedere diverse carte di credito, quali:

  • Widiba Carta Classic, che prevede un canone annuo di 20 euro e un plafond di 1.500 euro;
  • Widiba Carta Gold, la quale ha un costo di gestione annuo pari a 50 euro e prevede plafond di 3.000 euro, oltre che il servizio protezione antifrode.

Queste carte di credito online, sebbene non siano gratuite, sono molto convenienti. Si caratterizzano per il servizio 3D secure, che favorisce la sicurezza degli acquisti online, e altri servizi di alert via SMS e email, oppure con la ricezione di notifiche push direttamente sull’app Widiba.  

Attiva una nuova carta di credito associata a un conto online

Carte di credito con un conto in un altro istituto

Tra le carte di credito che si possono richiedere anche se si ha un conto corrente con un altro istituto di credito, ci sono le carte American Express. Una versione con quota gratuita ogni anno, spendendo 12.000 euro ogni 12 mesi (quindi 1.000 euro al mese) è Carta Oro

Si tratta di una soluzione che prevede:

  • i pagamenti contactless;
  • i pagamenti online, per effettuare acquisti in totale sicurezza grazie alla tecnologia 3D Secure;
  • 50 euro di voucher viaggi;
  • sconti imperdibili con le offerte Amex;
  • offerte 2×1, per accedere a eventi a prezzi scontati o al circuito The Space Cinema con la card 2×1. 

Questa carta di credito non prevede limiti di spesa prefissati, in quanto ogni operazione sarà soggetta a una procedura di autorizzazione. 

La carta verde American Express, invece, è simile, ma prevede requisiti meno rigidi: la quota potrà infatti essere gratuita ogni anno spendendo un importo minimo di 3.600 euro ogni 12 mesi. 

Gli acquisti saranno premiati con il programma Club Membership Rewards, che permette di accumulare punti con le spese effettuate, richiedendo poi premi dal catalogo, oppure ottenendo degli Sconti Shop per ridurre il saldo del proprio conto Carta. 

La protezione acquisti, inoltre, garantisce una tutela di 90 giorni fino a 1.300 euro di spesa nel caso di furto o danneggiamento del bene acquistato con la carta (anche se vengono escluse alcune categorie merceologiche).