Bruxelles non fa sconti, in manovra distanze rispetto agli impegni

Inviata la lettera in cui si sottolinea come l'Italia abbia già goduto della flessibilità

(Teleborsa) Distanze sostanziali rispetto agli impegni. Come era nell’aria, Bruxelles non fa sconti all’Italia e nella lettera inviata a Roma evidenzia tutte le criticità della manovra approvata, che mettono il nostro Paese in una situazione di attrito con l’Europa. Chiaramente uno scontro frontale rappresenterebbe l’ultima spiaggia, ma Bruxelles dopo aver concesso flessibilità all’Italia con un deficit al 2,2% contro l’1,8% promesso non intende sforare ulteriormente, anche per le ripercussioni che un eventuale cedimento potrebbe avere sull’euro zona.

Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha smorzato i toni affermando che la lettera “è arrivata, è assolutamente normale per noi come per molti Paesi che l’hanno ricevuta”. In particolare, la lettera si concentra sulle spese per il terremoto e per la pressione dei migranti sostenute dal nostro Paese. Eppure la Commissione chiede “spiegazioni circa la revisione degli obiettivi” e sul “divario sostanziale emerso rispetto agli impegni presi la scorsa primavera“. “Un esame preliminare del documento programmatico per il bilancio 2017 suggerisce che il cambiamento programmato nel bilancio strutturale per il 2017, ricalcolato secondo la metodologia comunemente accolta, è negativo e molto al di sotto dello 0,6% del Pil o oltre raccomandato dal Consiglio il 12 luglio scorso”.

Per Bruxelles l’Italia “ha beneficiato di flessibilità significativa sotto le regole del patto di stabilità sia nel 2015 che nel 2016“, sottolineano i firmatari della lettera, il vicepresidente della commissione Valdis Dombrovskis e il commissario agli affari economici Pierre Moscovici. L’Italia dovrà fornire quanto prima dei chiarimenti sulle spese eccezionali, previste dalla legge di bilancio 2017. “Abbiamo bisogno di chiarimenti sugli importi per considerare questi come spese eccezionali“, conclude la missiva. La Commissione auspica di “continuare un dialogo costruttivo con l’Italia e per giungere a una analisi compiuta” della manovra.

Leggi anche:
Bruxelles scettica su Manovra Italia, non convince deficit di bilancio
Agenzia delle Entrate-Riscossione peggio di Equitalia. Cosa può controllare

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bruxelles non fa sconti, in manovra distanze rispetto agli impegn...