Brexit, allarme Bce: “A rischio crescita Ue”. Financial Times vota “Remain”

Timori anche dal resto dellʼEuropa. "Per la Gran Bretagna uscire sarebbe un atto gratuito di autolesionismo"

“Un’eventuale Brexit rappresenta un rischio per la crescita dell’Eurozona”. Lo scrive e lo ribadisce più volte la Bce nel suo bollettino e, a una settimana esatta dal referendum del 23 giugno, anche il Financial Times si schiera per il “no” all’uscita dall’Ue del Regno Unito: “Il voto deve essere Remain, uscire sarebbe per la Gran Bretagna un atto gratuito di autolesionismo”.

TIMORI IN TUTTA EUROPA – Su Londra sono puntati gli occhi del mondo e in particolare degli altri governi europei. Il capo dell’esecutivo spagnolo, Mariano Rajoy, ha avvertito che un’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea sarebbe la “cosa peggiore” che potrebbe accadere a Bruxelles. “Sarebbe una catastrofe, non solo per la borsa spagnola, ma per tutte le piazze economiche”, ha affermato a margine di un incontro per la campagna elettorale a Saragozza. “Sarebbe – ha aggiunto – anche una catastrofe per le economie dei britannici e di tutti gli europei”.

UNO SHOCK PER LA UE – Il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier ha detto che un voto britannico a favore della Brexit sarebbe uno shock per l’Unione europea e richiederebbe uno sforzo comune per garantire la sua stabilità. Anche per il collega francese Jean-Marc Ayrault dire di sì alla permanenza nell’Ue sarebbe la decisione giusta per i britannici. “Un voto per lasciare scuoterebbe l’Unione – ha sottolineato Steinmeier -. Non sarebbe soltanto 28 meno uno. Richiederebbe sforzi concertati per assicurare che l’Unione rimanga unita e che l’integrazione decennale, un successo, non finisca col disintegrarsi”.

IMPATTO SU ECONOMIA MONDIALE – Se i britannici si esprimeranno a favore della Brexit nel referendum del 23 giugno, il rischio che che si inneschino “ripercussioni negative” sull’economia globale. A ribadirlo è la banca d’Inghilterra, secondo cui l’uscita dall’Ue è la maggiore minaccia alla stabilità finanziaria non solo britannica ma, potenzialmente, mondiale. Con in più il rischio di un “acuto” deprezzamento della sterlina.

FT VOTA REMAIN – “Il voto deve essere Remain”, uscire dalla Ue sarebbe “un atto gratuito di autolesionismo”. Non ammette dubbi l’editoriale con il quale il Financial Times, voce autorevole della City di Londra, formalizza la propria scelta di campo a favore del mantenimento dei legami del Regno Unito con Bruxelles e contro la Brexit.

Leggi anche:
L’allarme di Cameron: “Con la Brexit si rischia la guerra in Europa”
Da Brexit a Fixit: anche la Finlandia vuole lasciare l’Euro
Gran Bretagna esce dall’Ue? E Deutsche Bank lascia la City
Olanda, uscire dall’Euro e vivere felici: impazza il fronte ‘Nexit’
Eurolandia in calo. Il terrorismo torna a innervosire i mercati
Draghi: “Economia Ue a rischio per nuovi shock”. Allarme giovani

Brexit, allarme Bce: “A rischio crescita Ue”. Financial Ti...