Bot italiani a rischio: il piano tedesco per attaccarli

Un inquietante studio preoccupa i risparmiatori italiani

Un documento redatto dal Consiglio degli esperti economici di Berlino ha creato non poco allarme in Europa e specificamente in Italia. Il documento, ripreso nei giorni scorsi dal Corriere della Sera, riguarda uno studio sui debiti pubblici dei singoli Paesi dell’Ue e le relative tutele per la Germania, che certo non manca in reattività quando si tratta – come nel caso del surplus commerciale – di anteporre i propri interessi a quelli comunitari all’interno dell’Unione Europea.

I saggi in questione hanno il compito di valutare l’impatto sulla Germania delle politiche economiche, e segnatamente di minimizzare i rischi che in futuro i cittadini tedeschi possano ‘accollarsi’ il debito di paesi periferici. La proposta dei saggi è quella di applicare il meccanismo del “bail in” previsto per le banche anche ai debiti sovrani e quindi ai titoli di Stato. In pratica: se uno Stato chiede aiuto per pagare il suo debito a farne le spese sarebbero innanzitutto i possessori dei singoli pubblici e non gli altri Paesi membri dell’Eurozona.

Il meccanismo funzionerebbe così: se l’Italia chiedesse l’intervento dell’Esm (il fondo di salvataggio europeo) ci sarebbeun immediato rinvio della scadenza di Bot, Btp ecc. E se lo stesso Esm dovesse giudicare che nonostante il trascorrere del tempo quel debito resta insostenibile, allora si procederebbe al taglio del valore effettivo dei titoli. Solo idee e proposte, certo, con nessun carattere vincolante. ma in Europa nessuno dimentica quanto accadde nel 2010, allorchè Angela Merkel e l’allora presidente francese Sarkozy tentarono una sorte di golpe sull’Europa per sterilizzare altri casi Grecia, manifestando la volontà di coinvolgere anche i privati nel pagamento dei debiti dei Paesi membri che chiedevano di essere salvati. Non se ne fece nulla, ma gli speculatori ne approfittarono a mani basse.

Leggi anche:
L’Euro è tecnicamente fallito. E la colpa è della Germania
La Gran Bretagna divorzia dall’Europa. Si teme effetto domino
Pensioni, visto, lavoro: sette conseguenze pratiche dopo la Brexit
Il FMI ha trovato la soluzione alla crisi economica: “Dovete morire prima”
Stiglitz: “Il problema dell’Eurozona è la Germania, non la Grecia”

Bot italiani a rischio: il piano tedesco per attaccarli