E’ boom dei “compro oro”. Un business spinto dalla crisi e dal credit crunch. Le cautele

Quintuplicati in 2 anni con un giro d'affari da 3 miliardi. I negozi "compro oro" proliferano nelle maglie troppo larghe delle legge. Le regole per limitare i danni

C’era una volta il monte di pietà dove le persone in difficoltà economiche andavano a “impegnare” oggetti di valore più o meno grande per ricavarne contanti. Una prima forma di microcredito. Ora non esistono più e ottenere finanziamenti sui canali ufficiali è un’impresa sempre più difficile perché le banche, in crisi di liquidità, hanno chiuso i rubinetti. Prima di arrivare al rimedio estremo degli strozzini (molto spesso peggiore del male) sono sempre di più quelli che giocano l’ultima carta vendendo i gioielli di famiglia per fronteggiare i problemi finanziari urgenti, pagare il mutuo o le bollette o anche solo fare la spesa.

E’ dovuto a questo il boom dei “compro oro“, i negozi che acquistano preziosi e gioielli. Sono quintuplicati in meno di 2 anni e hanno un giro d’affari che supera ormai i 3 miliardi di euro l’anno. I dati vengono dal rapporto Italia 2011 dell’Eurispes. A spingere alla vendita c’è anche l’andamento delle quotazioni dell’oro che, come classico bene-rifugio, è ora ai massimi storici (43,34 euro al grammo contro i 16 di 5 anni fa).

Da sapere prima di vendere

Un boom generato anche da una normativa dalle maglie larghe: non si paga l’Iva perché l’attività è considerata “di rottamazione“. Il registro di carico e scarico merce è l’unica “prova” del passaggio di proprietà dell’oggetto preso in carico. E l’unico obbligo di legge, la registrazione dei dati del venditore, spesso viene ignorato.

Inoltre non illudetevi di sfruttare la alte quotazioni. Chi vende è quasi sempre in forte difficoltà economica e ha ben poco potere contrattuale, quindi finisce per accettare prezzi bassi. Inoltre l’oro ritirato dovrebbe essere fuso per legge  ma questo non avviene sempre. Spesso, invece, gli oggetti di maggior pregio sono reimmessi in commercio, con margini di guadagno maggiori.

Da più parti si chiedono regole più stringenti di questa attività e maggiori garanzie per chi vende il proprio oro. “Ai consumatori – avverte Rossella Miracapillo, segretario generale del Movimento Consumatori – possiamo dare alcuni consigli:

•  fidarsi solo dei venditori che richiedono i dati, fornendo la carta d’identità per lasciare traccia dell’avvenuta vendita;
•  confrontare il prezzo di cessione dell’oro in più punti vendita (si possono trovare sostanziali differenze di prezzo d’acquisto tra un punto e l’altro)”.

Infine una curiosità riportata sempre dal Rapporto Eurispes: la corsa all’oro del terzo millennio si incentra non tanto sull’estrazione quanto sul recupero del metallo prezioso da prodotti di largo consumo: le schede madri dei pc sono il più ricco giacimento di seconda mano (attraverso un complesso procedimento si ottiene oro purissimo) e dai telefonini si può recuperare una discreta fortuna (da 1 milione di cellulari si ricavano 37,5 chili d’oro, 386 d’argento e 16,5 di palladio). (A.D.M.)

E’ boom dei “compro oro”. Un business spinto dalla crisi e dal credit crunch. Le cautele
E’ boom dei “compro oro”. Un business spinto dalla c...