Bonus viaggi, come funziona l’agevolazione del 50% per i tour operator

Bonus viaggi, come funziona Digitour, il credito d’imposta per un importo massimo di 25mila euro per gli investimenti digitali dei tour operator

Per rilanciare il settore del turismo e sostenere lo sviluppo digitale, arriva un credito di imposta per le agenzie di viaggio e i tour operator. Digitour è previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), è gestito da Invitalia e ha una dotazione finanziaria complessiva di 98 milioni di euro.

Digitour, cos’è il credito di imposta per le agenzie di viaggio

Il credito di imposta è concesso dal ministero e rappresenta il 50% delle spese ammissibili per un importo massimo di 25mila euro per ogni impresa che ne fa richiesta. Il totale della misura finanziata in maniera complessiva è di 98 milioni così suddivisi:

  • 18 milioni nel 2022
  • 10 milioni nel 2023
  • 10 milioni nel 2024
  • 60 milioni nel 2025.

Digitour, a chi si rivolge e quali sono i requisiti

Le agevolazioni sono rivolte esclusivamente alle agenzie di viaggio e tour operator. Le imprese devono possedere al momento della presentazione della domanda i seguenti requisiti:

  • essere iscritte al registro delle imprese;
  • avere come codice ATECO uno o più dei seguenti: 79.1, 79.11, 79.12;
  • avere sede operativa attiva sul territorio italiano;
  • essere in regola con il versamento dei contributi (DURC regolare);
  • essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento di imposte e tasse;
  • non essere in stato di fallimento o di liquidazione, anche volontaria.

Digitour, cosa prevede il credito d’imposta

Il credito d’imposta previsto da Digitour può essere concesso dal Ministero del Turismo fino al 50% delle spese ammissibili e fino all’importo massimo complessivo di 25.000 euro per impresa.
Il credito d’imposta:

  • è fruibile dalle imprese a seguito dell’autorizzazione che Invitalia rilascia dopo la conclusione e l’intero pagamento dell’investimento previsto;
  • è utilizzabile in compensazione dall’anno successivo a quello dell’autorizzazione di Invitalia;
  • è cedibile, in tutto o in parte, a soggetti terzi (banche e altri intermediari finanziari);
  • non è cumulabile – per le stesse spese – con nessun’altra agevolazione.

Digitour, come fare domanda

La domanda può essere presentata fino alle ore 17:00 del 4 aprile 2022, attraverso la piattaforma online di Invitalia. Per richiedere le agevolazioni è necessario:

  • essere in possesso di un’identità digitale (SPID, CNS, CIE)
  • accedere all’area riservata per compilare online la domanda

Inoltre bisogna disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC). Al termine della procedura online viene assegnato un numero di protocollo elettronico. Le domande vengono esaminate in ordine cronologico di presentazione.

News, approfondimenti, analisi e interviste: scopri il canale ufficiale Telegram di QuiFinanza e rimani aggiornato su tutte le ultime notizie