Bonus taxi, come si può ottenere il rimborso del 50% della corsa

Cosa prevedono le disposizioni in materia di trasporto pubblico locale, già contenute nel decreto Rilancio

Non si fa altro che parlare del decreto Agosto e delle nuove misure adottate dal Governo dopo il lockdown, ma c’è un incentivo, il bonus taxi, che è stato già approvato dal decreto Rilancio e che riconosce, a chi ne ha dirito, il rimborso delle corse effettuate in auto (a pagamento) per ridurre al minimo il rischio contagio. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Bonus taxi: i beneficiari che possono richiedere il rimborso dei costi della corsa

Con il decreto Rilancio, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 maggio 2020, il Governo ha stanziato ben 5 milioni di euro per il riconoscimento di rimborsi parziali a chi – durante la pandemia – ha deciso di scegliere il taxi come mezzo di spostamento in alternativa ai mezzi pubblici.

Il bonus taxi, così è stato ribattezzato, è destinato ad anziani e disabili (e alle loro famiglie) che – essendo tra le categorie più a rischio tra quelle esposte al Covid – per ridurre le possibilità di contagio hanno optato per gli spostamenti individuali. Trattandosi però di servizi a pagamento che non tutti possono permettersi, all’art. 200 del decreto di maggio è stato introdotto tale incentivo che – come già detto – riconosce un rimborso fino al 50% dei costi sostenuti per i viaggi in taxi.

Bonus taxi, così si aiuta il settore

Con il bonus taxi l’Esecutivo ha in questo modo voluto andare incontro sia ai cittadini più esposti al Coronavirus sia a chi, lavorando nel settore trasporti, ha visto le proprie entrate diminuire drasticamente a causa della pandemia.

I proprietari di taxi, infatti, a causa del blocco totale delle attività non essenziali hanno dovuto rinunciare per diversi mesi alla propria fonte di reddito. Incentivando gli spostamenti in taxi, tramite l’ammortamento dei costi della corsa, si punta quindi anche a spingere le persone a ricorrere a tale mezzo senza dover affrontare costi esosi.

Come funziona il bonus taxi

Non vi è una vera e propria procedura per richiedere il bonus taxi. I fondi stanziati dal dl Rilancio, infatti, sono stati destinati ai Comuni. Saranno pertanto le Amministrazioni locali a individuare i soggetti beneficiari e le famiglie che hanno diritto ad ottenere il contributo, sulla base delle linee guida delineate nello stesso decreto all’articolo 200 bis.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus taxi, come si può ottenere il rimborso del 50% della corsa