Bonus scuola 100 euro, a chi spetta nel mese di febbraio

Premio fino a 100 euro in busta paga al personale della scuola che ha lavorato in presenza nel mese di marzo 2020, in piena pandemia

Per il personale della scuola è in arrivo un premio fino a 100 euro in busta paga nel mese di febbraio. Si tratta di un bonus previsto dal Cura Italia ed è rivolto a docenti, personale Ata, Dsga e dirigenti scolastici.

Il premio – precisa il Ministero – spetta a coloro che hanno prestato servizio in presenza nel periodo di massima allerta per l’emergenza epidemiologica, ovvero a marzo 2020. Di conseguenza, nulla spetterà a coloro  che nel mese di marzo hanno svolto la propria attività lavorativa in telelavoro o in smart working, ovvero sono stati assenti per ulteriori motivazioni (ferie, malattia, permessi retribuiti o non retribuiti, congedi, ecc.).

Bonus 100 euro, i requisiti

Il premio dell’importo massimo di 100 euro spetta ai titolari di redditi di lavoro dipendente non superiori a 40mila euro. La cifra non sarà uguale per tutti: il decreto stabilisce che debba essere calcolato in relazione al numero di giorni di lavoro svolti in sede nel predetto mese.

A stabilire i requisiti per l’accesso al bonus è l’articolo 63 del decreto Cura Italia e in particolare il comma 2, che prevede che “ai titolari di redditi di lavoro dipendente di cui all’articolo 49, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, che possiedono un reddito complessivo da lavoro dipendente dell’anno precedente di importo non superiore a 40.000 euro spetta un premio, per il mese di marzo 2020, che non concorre alla formazione del reddito, pari a 100 euro da rapportare al numero di giorni di lavoro svolti nella propria sede di lavoro nel predetto mese“.

Bonus 100 euro, a chi spetta

Potranno beneficiare del bonus tutti i dipendenti del personale scolastico che abbiano prestato servizio in presenza a marzo 2020. È rivolto a:

  • docenti;
  • personale Ata;
  • Dsga e dirigenti scolastici.

Non spetta per i giorni in cui il lavoratore non ha svolto la propria attività lavorativa in sede ma a distanza; chi ha beneficiato delle ferie o della malattia; chi ha usufruito di permessi retribuiti o di congedi.

Bonus scuola a marzo, come capire l’importo spettante

Per capire l’importo spettante si deve utilizzare il rapporto tra i giorni di presenza in sede (indipendentemente dal numero di ore prestate) effettivamente lavorati nel mese di marzo 2020 e quelli lavorabili, che sono:

  • 22 se la settimana lavorativa è articolata su 5 giorni (lun-ven);
  • 26 se la settimana lavorativa è articolata su 6 giorni (lun-sab).

Il premio sarà, quindi, rapportato ai giorni effettivamente lavorati considerando che i 100 euro spettano solo a chi ha lavorato 22 giorni per settimana articolata su 5 giorni e 26 giorni per settimane lavorativa su 6 giorni. Per tutti gli altri, l’importo spettante sarà rimodulato sui giorni effettivamente lavorati.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus scuola 100 euro, a chi spetta nel mese di febbraio