Bonus pubblicità per imprese e lavoratori autonomi: come funziona

Il bonus pubblicità è una delle novità introdotte dal decreto fiscale collegato alla Legge di stabilità 2018

Tra le novità introdotte dal decreto fiscale collegato alla Legge di stabilità 2018 compare il bonus pubblicità per imprese e lavoratori autonomi.

E’ quanto introdotto dall’articolo 57 bis del decreto legge 24 aprile 2017 n. 50 – convertito dalla legge 96/2017- in tema di agevolazione fiscale, nella forma del credito d’imposta, su investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa (quotidiani e periodici, locali e nazionali) e sulle emittenti radiotelevisive a diffusione locale, analogiche o digitali.

CHI – Può beneficiarne chi effettua investimenti con un valore che superi di almeno l’1% analoghi investimenti effettuati nell’anno precedente sugli stessi mezzi di informazione.

QUANTO – Il credito è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati (alzato al 90% nel caso di micro imprese, piccole e medie imprese e start up innovative) ed  è utilizzabile esclusivamente in compensazione, mediante F24.

CONTROLLI – L’Agenzia delle Entrate e l’Amministrazione effettueranno controlli in merito all’effettivo possesso dei requisiti per ottenere l’ammissione al beneficio fiscale; ove sia accertata la carenza dei requisiti – e quindi l’indebita fruizione, totale o parziale, del beneficio – si provvederà al “recupero delle somme con le procedure coattive di legge”.

In collaborazione con Adnkronos

Bonus pubblicità per imprese e lavoratori autonomi: come funzion...