Bonus pc e internet, si allarga la platea: a chi andranno i 500 euro

Nelle intenzioni del governo i voucher verranno estesi presto anche a fasce di reddito più alte, oltre che alle imprese, finora escluse dalla misura

Nei prossimi mesi i bonus pc e internet “saranno estesi a famiglie con Isee fino a 50mila euro e alle micro, piccole e medie imprese“. A sottolinearlo la ministra per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano.

Attualmente i voucher sono destinati ai cittadini con Isee inferiore a 20mila euro, dunque, secondo gli analisti del mercato tlc, una platea potenziale di circa 400mila famiglie. Nelle intenzioni del governo si amplierà però presto anche a fasce di reddito più alte, oltre che alle imprese, finora escluse dalla misura. Il Cobul (Comitato interministeriale costituito per coordinare la Strategia italiana per la banda ultra larga) su proposta del Mise, ha quindi deliberato di attribuire un voucher che va da un minimo di 300 euro ad un massimo di 2.500 euro, a seconda la velocità della connessione.

Bonus pc e internet, requisiti

Nella prima fase, che è partita il 9 novembre, i voucher di 500 euro sono riservati a famiglie con un Isee non superiore ai 20 mila euro. Di quella cifra, il denaro destinato alla connettività va dai 200 ai 400 euro mentre il restante per i pc o tablet. Chi ha invece un Isee tra i 20 ed i 50 mila euro, invece, avrà un bonus di 200 euro che potrà utilizzare soltanto per la connessione internet. Bisognerà però attendere la fine del 2020.

Bonus pc e internet, come fare richiesta

Il bonus va poi richiesto direttamente agli operatori accreditati e per farlo sarà necessario sottoscrivere un abbonamento internet casa da almeno 30 Mbps.
L’abbonamento dovrà avere una durata minima di un anno. Il decreto Mise stabilisce che il contratto dell’operatore sia di almeno 12 mesi, con possibilità di disdetta anticipata senza costi. L’operatore può, a 45 giorni dalla scadenza, proporre un rinnovo dell’offerta a condizioni – “perlomeno per i primi 12 mesi” – uguali o migliorativi rispetto all’offerta precedente.
Nella domanda di attivazione dell’abbonamento, oltre al documento di identità e al codice fiscale, si dovrà presentare all’operatore anche un’autocertificazione del proprio Isee che deve essere inferiore a 20.000 euro.
La richiesta del buono, contestuale all’attivazione dell’abbonamento, può essere presentata sia in via telematica sia direttamente in negozio, a seconda delle indicazioni che vengono riportate dalle diverse compagnie convenzionate. Il meccanismo è quello dello sconto diretto al momento dell’acquisto.

>>> Scarica qui la domanda per richiedere il Bonus pc e tablet <<<

 

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus pc e internet, si allarga la platea: a chi andranno i 500 euro