Bonus baby sitter esaurito, che fine faranno le domande già accettate

Bonus baby sitter, le risorse non bastano: i contribuenti idonei riceveranno o non riceveranno i soldi?

Non è una novità che spesso aiuti e bonus statali vengano approvati con l’opzione “fino ad esaurimento fondi”. È successo, per esempio, con il bonus bici e, come vedremo, anche con il bonus baby sitter. Ma se le risorse mancano e le domande sono state già inviate, che fine faranno le istanze già accettate? I contribuenti idonei riceveranno o non riceveranno il bonus? Proviamo a fare chiarezza.

Bonus baby sitter, le novità del decreto Rilancio

Come ogni tipo di aiuti statali, anche il bonus baby sitter è nato per andare incontro a determinate categorie di contribuenti. In particolare, dopo l’emergenza Coronavirus, il Governo ha deciso di potenziare l’agevolazione, approvando con il dl Rilancio un aumento dello stesso (portandolo da 600 euro a 1.200 euro).

Con il decreto di maggio il Governo ha deciso anche di riconoscere una maggiorazione a tutti quei lavoratori che hanno continuato a lavorare a pieno ritmo durante il lockdown, ovvero tutti quei professionisti che si sono esposti in prima linea e che hanno anche dovuto fare i conti con turni prolungati e situazioni ad alto rischio contagio, che spesso non li mettevano nella condizione di poter badare ai propri figli senza ricorrere ad un aiuto (specie dopo la chiusura delle scuole).

Tra questi rientrano medici, infermieri, operatori sanitari e forze dell’ordine, per cui era stato previsto un bonus baby sitter potenziato, pari cioè a 2.000 euro.

Bonus baby sitter, fondi in esaurimento

La cifra stanziata inizialmente dallo Stato per finanziare il bonus baby sitter ammontava a 1,57 miliardi. Quando si è deciso di riconoscere l’aumento dello stesso a determinate categorie, comunque, il budget è stato potenziato con lo stanziamento di 67,6 milioni di euro. Somme importanti quelle appena citata ma che, tuttavia, rischiano di non bastare.

L’Inps ha pure confermato recentemente che le risorse destinate alla copertura del bonus baby sitter sono già in esaurimento. Eppure, le domande, ad oggi, continuano ad arrivare.

Bonus baby sitter, le risorse non bastano: che fine faranno le domande già accettate?

L’Inps quindi lo ha confermato: non bastano le risorse per far fronte a tutte le richieste arrivate per il bonus baby sitter.

Che fine faranno, allora, le domande già accettate? E quelle che continuano ad arrivare? I genitori che hanno inoltrato l’istanza recentemente dovranno rinunciare al beneficio? Ebbene, a tal proposito bisogna specificare che l’esaurimento dei fondi non implica l’esclusione automatica di tutti quelli che non hanno ancora avuto accesso all’incentivo.

Molte domande, difatti, sono state accettate con riserva, in attesa di nuovi finanziamenti. Quelle già inviate e considerate idonee, molto probabilmente, seguiranno lo stesso percorso.

Sui tempi di attesa, però, non si sa ancora nulla, poiché niente di ufficiale è stato comunicato al riguardo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus baby sitter esaurito, che fine faranno le domande già accettate