Bonus 500 euro: i 18enne lo spendono in rap

Una ricerca ha svelato che i 18enni spendono il bonus di 500 euro soprattutto in musica. Il genere preferito? Il rap!

Come spendono il bonus cultura i 18enni? Ovviamente in rap! Secondo gli ultimi dati infatti i 500 euro forniti dal Governo vengono utilizzati dai giovani per partecipare ai concerti degli artisti più amati del momento. Era il 2016 quando Matteo Renzi, allora Presidente del Consiglio, diede vita al progetto “18 app”, finanziato con 290 milioni di euro e introdotto dalla legge di stabilità. Come ormai tutti sanno si tratta di un bonus di 500 euro che viene assegnato a tutti i cittadini che diventano maggiorenni, inclusi gli stranieri che risiedono regolarmente in Italia.

I soldi devono essere spesi in cultura, quindi per acquistare libri e partecipare ad eventi legati al cinema, alla musica e al teatro. A quanto pare però la maggior parte dei giovani ha deciso di sfruttare il bonus per prendere parte ai concerti degli artisti preferiti. Secondo i dati forniti da TicketOne, il 90% dei soldi elargiti dal Governo ai giovani è stato utilizzato per acquistare biglietti di live. Quali sono gli artisti più amati? Le informazioni fornite dal sito italiano di vendita ticket parlano chiaro. Nel 2017 i ragazzi nati fra il 1998 e il 1999 hanno speso quasi tutti il bonus per vedere Tiziano Ferro, con 697 mila euro e 14.365 biglietti acquistati. Secondo in classifica Lorenzo Jovanotti, sempre amatissimo dai più giovani, con una spesa di 677.445 euro di spesa, seguito da Ligabue con 498.762 euro.

Il resto della classifica è occupata soprattutto dai rapper, che hanno conquistato le nuove generazioni a suon di rime e beat. Nella lista troviamo Caparezza, arrivato quarto dopo Ligabue, ma anche la coppia formata da Marracash e Guè Pequeno. Ottava posizione per Fabri Fibra, che supera J Ax & Fedez, reduci dal successo di “Comunisti col Rolex”. Nel frattempo in questi giorni sono arrivate buone notizie per i ragazzi che amano la musica. Il governo infatti ha deciso di inserire fra i servizi che si possono acquistare con il bonus cultura, anche l’acquisto dell’abbonamento a Spotify.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus 500 euro: i 18enne lo spendono in rap