Bonifico come regalo di Natale: i conti che lo permettono legalmente

Bonifico causale regalo: come si possono inviare dei bonifici ai familiari come regalo di Natale, ovvero come funziona la donazione di denaro. 

Posso regalare soldi a mio figlio con bonifico come regalo di Natale? Posso regalare soldi a mio nipote o a mio fratello? Come si fa una donazione di denaro tramite bonifici ai familiari in modo che non ci possano essere eventuali problemi con il Fisco, quindi in modo lecito?

Regalare un bonifico a qualcuno, che sia Natale o un compleanno, è il mezzo più sicuro che si possa utilizzare: mette infatti le parti al riparo rispetto a una possibile violazione delle regole relative alle soglie massime di contanti che si possono dare a qualcuno oggi. 

Chi riceve il bonifico, inoltre, considerato che si tratta di un pagamento tracciato, avrà modo di giustificare la provenienza di quanto ricevuto all’ufficio delle imposte, in particolare nei casi in cui scelga di utilizzare il denaro per comprare beni di lusso che siano incompatibili con la propria dichiarazione dei redditi

Se, per esempio, un giovane che non ha un lavoro compra una macchina perché ha ricevuto in regalo dei soldi dai genitori, il Fisco potrebbe considerare l’operazione sospetta: in questo modo, si potrà certificare da dove provengono i soldi utilizzati per l’acquisto. 

Bonifico come regalo: pro e contro

Nell’ipotesi in cui si decidesse di fare come regalo di Natale a qualcuno dei soldi inviati tramite bonifico, potrebbe anche accadere che il Fisco consideri, fino a prova contraria, l’importo ricevuto come un’attività tassabile. 

Potrebbe dunque succedere che vi siano applicate:

  • imposte;
  • sanzioni. 

Tra i vantaggi che si potrebbero ottenere, il primo è quello di non rischiare un accertamento da parte del redditometro, il quale controlla se il reddito dichiarato da ogni singolo contribuente sia compatibile con il suo stile di vita. 

Il bonifico di soldi (quindi la donazione di soldi) è una prova documentale per dimostrare quale sia l’origine esatta di una determinata somma di denaro che non è stata prodotta in prima persona lavorando, ma è stata ricevuta da un altro soggetto come regalo. 

Lo svantaggio potrebbe essere il sospetto che il denaro che si sta ricevendo – l’Agenzia delle Entrate vede che c’è uno spostamento di denaro dal conto del donante a quello del donato – sia il frutto di un’attività lucrativa e venga, pertanto, considerato . 

Come dimostrare che il bonifico di soldi non sia tassabile

Nel momento in cui si regalano soldi (a Natale o in qualsiasi altro periodo dell’anno) a un familiare o a un convivente, si può ipotizzare che tali somme di denaro siano inviate in quanto si tratti di una regalo. 

Tuttavia, risulta molto importante, per far capire al Fisco che quanto ricevuto non rientri in un’attività imponibileindicare, nella causale del bonifico, la dicitura “Regalo”, oppure “Donazione”, o ancora specificare quale sarà la destinazione d’uso della somma inviata. 

Per esempio, si potrebbe scrivere “Denaro necessario per comprare un computer” o ancora “Denaro che sarà utilizzato per l’acquisto di una bici”, e così via. Si ricorda, comunque, che le donazioni di importo inferiore ai 100 euro non sono soggette a tassazione. 

Regalare i soldi con un bonifico: conti correnti con bonifico gratuito

Alla luce di quanto detto fin qui, è possibile affermare che non esistono delle banche che vietino di inviare dei soldi tramite bonifico a un’altra persona, che potrà essere un familiare, un amico o un conoscente. 

Ovviamente, maggiore sarà l’importo di una specifica transazione, più ci potrebbero essere dei controlli da parte del Fisco in quanto aumenterebbero le probabilità che possa trattarsi di un’operazione sospetta. 

Cosa si consiglia di valutare, dunque, se si vogliono inviare dei soldi per Natale tramite bonifico? Valutare l’attivazione di un conto corrente che preveda la gratuità delle operazioni di bonifico. 

Scopri i migliori conti correnti con bonifico online gratuito

I bonifici allo sportello prevedono l’applicazione di commissioni piuttosto elevate, mentre il numero di istituti di credito che permette di effettuare dei bonifici online gratuiti è in continuo aumento. 

Per trovare la soluzione più interessante, è molto utile fare una comparazione tra le differenti proposte disponibili oggi, per esempio utilizzando un comparatore di conti correnti come quello di SOStariffe.it

Oltre alla gratuità dei bonifici, si potrà avere accesso a tanti altri vantaggi, come per esempio:

  • quello di attivare un conto corrente con canone a zero euro per un determinato periodo di tempo, o per sempre;
  • quello di non pagare l’imposta di bollo prevista sul conto corrente;
  • quello di non pagare le commissioni previste sui prelievi presso gli ATM di un’altra banca e, in alcuni casi, sui pagamenti in valuta estera. 

Un conto corrente online è poi una soluzione molto vantaggiosa, in quanto potrà essere gestito direttamente da casa, grazie all’area clienti in versione desktop o mobile (ovvero gestibile dall’applicazione dedicata).