Bond argentini 2001: gli italiani saranno rimborsati tutti

I bond argentini e il relativo rimborso sono sinonimo di una brutta storia che dura dal lontano 2001. Ora si è arrivati a una svolta storica. Scopriamo insieme quale

La storia dei bond argentini e il loro rimborso è durata anche troppo. Quindici lunghi anni di discussioni, di ricerche, di proposte e controproposte. Ed ecco che finalmente, dopo tantissimi sforzi, si è riusciti a trovare una via d’uscita soddisfacente per entrambi le parti. Questo è quanto emerge dall’intesa bilaterale tra l’Italia e l’Argentina confermata a New York. Firmato l’accordo finale, la Repubblica Argentina verserà a 50 mila italiani che avevano acquistato i bond argentini prima della caduta nel 2001, una somma pari all’incirca a 1,35 miliardi di dollari.

E questo entro fine giugno del 2016. Il rimborso dei bond argentini arriverà in contanti e sarà pari al 150% del valore originario delle obbligazioni argentine. Il denaro in questione è stato già depositato su un conto corrente presso una banca internazionale e attende soltanto il completamento di tutte le formalità burocratiche per tornare in Patria. Una volta completata la parte formale, i detentori delle singole obbligazioni potranno ricevere il rimborso con gli interessi nelle loro banche.

Dopo aver concluso l’accordo, entrambe le parti si sono dette immensamente felici di come sono andate le cose. Grande soddisfazione dell’Argentina, che riesce a chiudere una pratica troppo duratura e troppo spinosa, normalizzando i propri rapporti con i grandi mercati finanziari internazionali. Dalla parte argentina sono anche arrivate parole di ringraziamento verso i detentori delle obbligazioni in Italia, i quali hanno agevolato le manovre finanziarie aiutandole a raggiungere l’obiettivo. Una parte del ringraziamento è andata anche alla “Tfa”, la quale in questi anni ha cercato in tutti i modi di chiudere la questione con il beneficio per entrambe le parti.

Il rimborso dei bond argentini ha suscitato molte reazioni positive anche in Italia, con gli obbligazionisti in prima fila. Questi, infatti, non riceveranno soltanto indietro i propri investimenti nelle obbligazioni d’oltreoceano, bensì avranno anche gli interessi pari alla metà della somma originale. Si tratta dunque di una vittoria per ambo le parti, con un accordo siglato che ha suscitato tantissime emozioni positive sia in Italia, che in Argentina . Questo apre a possibili future manovre finanziarie tra i due paesi e a una collaborazione su diversi settori sempre più stretta. Da questa cooperazione i due Stati non potranno che ricevere soltanto effetti positivi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bond argentini 2001: gli italiani saranno rimborsati tutti