Bollette: in arrivo “stangatina” per il gas. Cala (poco) la luce

Aggiornate le tariffe: a partire dal primo ottobre i prezzi del metano aumenteranno del 2,8%, mentre quelli dell’energia elettrica scenderanno dello 0,7%.

(Teleborsa) Una più leggera, l’altra più pesante. Una sale, l’altra scende. Da una parte si dà, dall’altra si toglie. Risultato? Si può gioire, rigorosamente a metà. Quando si tratta di bollette, infatti, gli italiani tremano pronti a fare i conti con i soliti rincari dell’ultima ora che mettono in crisi le finanze già ristrette.
Se, infatti, sul fronte gas è in arrivo la “stangatina”, qualche barlume di speranza, è proprio il caso di dirlo, arriva dalla luce. 
Lo ha deciso l’Autorità per l’energia elettrica e il gas e il sistema idrico aggiornando le condizioni economiche di riferimento per le famiglie e i piccoli consumatori in tutela per il quarto trimestre 2017.

In particolare, dal prossimo 1°ottobre per la famiglia-tipo la bolletta elettrica sarà in calo dello 0,7%, mentre il gas subirà un incremento del 2,8% influenzato soprattutto dall’atteso aumento delle quotazioni per il maggior consumo nella stagione autunnale. In particolare, il calo dell’elettricità – pur in presenza di prezzi all’ingrosso previsti in moderato aumento – è sostanzialmente legato alla forte riduzione dei costi di dispacciamento, cioè dei costi sostenuti dal gestore della rete (Terna) per mantenere in equilibrio e in sicurezza il sistema elettrico, anche grazie ai provvedimenti dell’Autorità dei mesi scorsi, che hanno ricondotto alla normalità il relativo mercato all’ingrosso. Per il gas invece la prossima stagione autunnale, con consumi e quotazioni in aumento a livello europeo, implica – come atteso – l’aumento dei prezzi anche nei mercati all’ingrosso italiani.

Per l’elettricità la spesa annua per la famiglia-tipo sarà di 520 euro, in aumento del 4,2% rispetto all’anno precedente, corrispondente a un aumento di circa 21 euro all’anno. Nello stesso periodo la spesa della famiglia tipo per la bolletta gas sarà di circa 1.035 euro, con una sostanziale stabilità rispetto all’anno precedente.

ENERGIA, QUANTO CI COSTI! – “L’andamento delle tariffe energetiche pesa sui conti delle famiglie ma anche sui costi delle imprese e rende più onerosa la produzione.  E’ quanto afferma la Coldiretti commentando le variazioni delle tariffe di luce e gas. L’aumento complessivo della spesa energetica che si è verificato su base annua ha un doppio effetto negativo perché – sottolinea ancora  la Coldiretti – riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, ma aumenta anche i costi delle imprese particolarmente rilevanti per l’agroalimentare. Il costo dell’energia si riflette infatti in tutta la filiera e riguarda sia le attività agricole ma anche la trasformazione e la conservazione degli alimenti e il riscaldamento di edifici rurali e stalle“.

Bollette: in arrivo “stangatina” per il gas. Cala (poco) l...