Biglietti aerei, in arrivo nuovi aumenti

Chi parte da Fiumicino o Malpensa pagherà tre euro in più su ogni biglietto, con qualunque compagnia aerea e per qualsiasi destinazione, comprese le low cost

Decollano nuovi aumenti per le tariffe aereo-portuali. Il via libera è arrivato dal Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe): i rincari scatteranno dal primo gennaio 2010. A patto che una successiva riunione del Cipe renda effettivamente esecutivi gli aumenti.

 

Il ritocco delle tariffe sarebbe quantificabile entro i 3 euro a passeggero. Secondo quanto affermato da Palazzo Chigi i rincari sarebbero concessi “alle sole società aeroportuali che effettuano investimenti autofinanziati e autorizzati dall’Enac”, sottolineando in una nota “l’importanza dell’approvazione della modifica alla direttiva in materia di tariffe aeroportuali, varata oggi dal Cipe”.
In altre parole l’aumento è giustificato solo in presenza di programmi d’investimento in ammodernamento degli scali. Se, entro 18 mesi però le società aeroportuali non sottoscrivono contratti di programma per i nuovi investimenti, “l’aumento tariffario decade” puntualizza la nota di Palazzo Chigi.

 

Gli aumenti sui diritti di imbarco sono scaglionati su tre categorie di scali:
un euro in più a passeggero negli aeroporti fino a 5 milioni di utenti,
due euro fino a 10 milioni,
tre euro negli aeroporti oltre i 10 milioni di passeggeri, come Malpensa e Fiumicino che, dall’adeguamento dovrebbe incassare circa 105 milioni.

 

La manovra non è  piaciuta alle associazioni dei consumatori che che ritengono i rincari assolutamente ingiustificati soprattutto alla luce dei disservizi cui le varie compagnie aeree sottopongono i propri passeggeri.

Biglietti aerei, in arrivo nuovi aumenti