Biden rottama Trump: ecco il piano di ripresa post-Covid

Al centro della "Biden Economy" la creazione di almeno 11 milioni di posti di lavoro. Intanto, il Tycoon continua a non concedergli la vittoria: cosa vuole davvero in cambio?

I suoi sostenitori, o se preferite fans, continuano a riempire strade di Washington, sicuri che la rielezione sia ancora possibile. Convinzione che, tra l’altro, è proprio Trump ad alimentare a suon di cinguettii, (regolarmente censurati) parlando senza mezzi termini di “elezioni più truccate della storia”.

Ovviamente, non ne vuole sapere di concedere la vittoria a Joe Biden (quando sono ormai trascorsi tredici giorni dalle elezioni americane più bizzarre della storia, con i riconteggi ancora in corso) che prosegue la sua marcia di avvicinamento alla Casa Bianca, illustrando, insieme alla numero due Kamala Harris, il suo piano per rilanciare l’economia del Paese, devastata dalla pandemia, dalla sua casa a Wilmington nel Delaware.

Alzato, dunque, il velo sulla “Biden Economy” che prevede anzitutto la creazione di almeno 11 milioni di posti di lavoro e la lotta alle diseguaglianze economiche e sociali. Subito al lavoro, dunque, il team economico del Presidente eletto, nonostante le difficoltà legate a una transizione piena di ostacoli, per usare un eufemismo.

“Prima avremo un piano per la transizione, prima potremo andare avanti sulla strada del vaccino”, ha detto Biden, denunciando come gli stati Usa siano in enorme difficoltà con i costi della pandemia. “E’ ora di premiare il lavoro, non solo la ricchezza”, ha detto lanciando il suo piano per un’economia e un fisco più giusti. “Quello che serve sono buoni posti di lavoro, posti di lavoro dignitosi”, ha aggiunto.

Immediato cambio di marcia sulla pandemia con il Presidente eletto che si è detto intenzionato a coordinarsi al più presto con l’amministrazione uscente. In caso contrario si metterebbero a rischio le vite di tanta gente. “Se Trump e i repubblicani continuano a ostacolare la transizione più persone possono morire”, ha detto Biden, sottolineando la necessità di accedere al piano di distribuzione del vaccino dell’amministrazione Trump. “Un conto è avere il vaccino un conto è la vaccinazione”.

LA PARTITA PARALLELA DEL TYCOON – Nel frattempo, sono in tanti a chiedersi cosa si nasconda davvero dietro all’ atteggiamento  infantile del Tycoon che passa le giornate , ormai, denunciando scorrettezze e brogli a destra e sinistra. A più di un osservatore, infatti, non è sfuggito che una volta privo dell’immunità presidenziale, dovrebbe fare i conti con più qualche grana fiscale

E Trump, che di assi nella manica ne ha tirati fuori diversi, nel corso di una vita personale e lavorativa lunga, sa che il suo ritiro, che garantirebbe una transizione pacifica del potere, potrebbe essere – guarda caso – la giusta contropartita. L’ennesimo colpo da maestro è servito. 

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Biden rottama Trump: ecco il piano di ripresa post-Covid