Bce: “Tensioni su debito sovrano anche in Italia e Spagna”

La ripresa rimane caratterizzata da un "livello di incertezza persistentemente elevato"

A dicembre e agli inizi di gennaio le tensioni sul debito sovrano non si sono manifestate solo in Grecia, Irlanda e Portogallo, ma “anche in altri paesi dell’area dell’euro quali Spagna, Italia e Belgio”. Lo rileva la Banca centrale europea nel suo bollettino di gennaio.

Il report mensile ha poi toccato al questione salari e ha stilato le previsioni sull’andamento economico dell’eurozona.
Italia e Germania sono i due Paesi dell’area euro in cui le retribuzioni contrattuali hanno frenato di più, portando il tasso di crescita in Eurolandia a minimi record nel quarto trimestre (+1,4%).

Lo scenario di ripresa dell’economia dell’eurozona, che si conferma per il quarto trimestre del 2010, è dominato da un livello di “incertezza persistentemente elevato” e con rischi “lievemente orientati al ribasso”. I rischi sono connessi “alle tensioni” sui mercati finanziari e alla loro potenziale trasmissione all’economia. Ulteriori rischi sono legati ai rincari energetici, spinte protezionistiche e correzione disordinata di squilibri internazionali.
Dall’altro lato c’è la possibilità che il commercio mondiale cresca più delle attese e che il clima di fiducia delle imprese dia maggiore vigore all’attività economica.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bce: “Tensioni su debito sovrano anche in Italia e Spagna”