BCE conferma impegno. Patto di stabilità verso nuovo stop

L' Europa fa quadrato per fronteggiare la seconda ondata della pandemia

La notizia decisamente buona sul fronte della lotta al Covid è senza dubbio l’annuncio di un vaccino efficace al 92%, frutto del matrimonio fra la Big Pharma americana Pfizer e la biotech tedesca BioNTech.

 

Per la prima volta, dopo mesi di incertezza, c’è oggi la concreta possibilità di avere decine di milioni di dosi disponibili anche prima della fine dell’anno e oltre un miliardo nel 2021 Intendiamoci, la battaglia è ancora lunga, ma si vede una luce alla fine del tunnel che viaggia insieme alla speranza di mettere la parola fine a uno degli eventi più drammatici dal Secondo Dopoguerra. 

 

Nel frattempo, in un contesto ancora di grande sofferenza e instabilità, la Presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde è tornata a ribadire il pieno sostegno all’economia del Vecchio Continente.

 

“La seconda ondata di contagi porta nuove sfide rischi, ma il piano per gestirla resta lo stesso. La Bce c’è stata nella prima ondata e ci sarà nella seconda”, ha detto a chiare lettere nel suo intervento di apertura del forum annuale di Sintra, tenuto quest’anno dall’istituzione in modalità (forzatamente) virtuale. “Siamo e restiamo totalmente impegnati a sostenere gli europei”, ha affermato. “Perseguendo il nostro mandato, continueremo ad assicurare le condizioni finanziarie necessarie per proteggere l’economia dall’impatto della seconda ondata. Questa – ha spiegato Lagarde – è una precondizione per stabilizzare gli aggregati di domanda e assicurare il ritorno dell’inflazione ai nostri obiettivi”.

 

E ancora. In questa fase della pandemia “la sfida chiave per i policy maker”, sarà traghettare l’economia “compensando i gap produttivi fino a quando vaccini saranno ben sviluppati e la ripresa potrà guadagnare slancio”, ha affermato la presidente della Bce, Christine Lagarde, nel suo intervento di apertura del Forum annuale delle banche centrali. “La ripresa economica dall’emergenza pandemica potrebbe essere irregolare. Stiamo assistendo a una forte rinascita del virus e questo ha introdotto una nuova dinamica. Anche se le ultime notizie su un vaccino sembrano incoraggianti, potremmo ancora dover affrontare cicli ricorrenti di accelerazione della diffusione virale e restringimento delle restrizioni fino al raggiungimento di un’immunità diffusa”, ha detto Lagarde.

 

Buone notizie anche rispetto al Patto di stabilità, che fissa i vincoli di finanza pubblica ai paesi europei tra cui un deficit non oltre il 3% del Pil, che potrebbe rimanere sospeso anche nel 2022. Ad evocare la possibilità, ieri, il  commissario Ue all’Economia Paolo Gentiloni, intervistato dal Financial Times. “L’idea di una ripresa a V è un’illusione e non ci ho mai creduto” ha detto Gentiloni, aggiungendo che “La clausola di salvaguardia del Patto resterà in vigore per tutto il 2021 ma non significa che da gennaio 2022 sarà interrotta”. Il commissario Ue ha spiegato che questa eventualità verrà discusso nei prossimi mesi” .

 

Nei giorni scorsi l’Eurocommissario aveva invitato gli Stati membri a proseguire con il sostegno all’economia “per tutto quello che serve e per quanto tempo serve”, visto che “la ripresa è stata interrotta ed entreremo nell’anno prossimo con un livello di attività molto molto basso”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

BCE conferma impegno. Patto di stabilità verso nuovo stop