Banche: tassa sul prelievo di contante, arriva l’inchiesta

Mister prezzi si muove per verificare la legittimità della commissione. Per i consumatori deve scendere in campo anche l’Antitrust

La raffica di “tasse” sul prelievo di contante si sta diffondendo a macchia d’olio. Sono sempre di più le banche che applicano una commissione fino a tre euro. Una mossa che ha scatenato la reazione non solo delle associazioni dei consumatori ma anche dell’ufficio del garante per la sorveglianza dei prezzi – conosciuto come Mister prezzi – che ha deciso di aprire un’inchiesta per verificare la legittimità della “tassa”.
Con tutta probabilità l’indagine punterà sulla verifica del rispetto degli obblighi normativi e sulla presenza di voci di costo opache e poco comparabili tra loro. Le banche dal canto loro, attraverso l’Abi, hanno replicato sostenendo come l’introduzione di vincoli agli istituti non possa che danneggiare il consumatore e ribadendo la trasparenza e la concorrenza esistente tra le diverse banche italiane.

Difesa che non ha appagato le associazioni dei consumatori che hanno chiamato in causa anche l’Antitrust per pratiche commerciali scorrette.

L’ultimo degli istituti ad applicare la commissione è stata la Bnl. Con un comunicato ha già avvertito i propri clienti: dal 18 aprile per ogni prelievo inferiore ai 2.000 euro si dovranno versare 3 euro.
Negli ultimi mesi hanno deciso di applicare questa commissione anche Mps e Ubi. Si aggiungono a Cariparma, Popolare di Milano e Unicredit. Nelle sei banche prese in esame, i costi per un prelievo di denaro allo sportello variano fra uno e tre euro.
Il balzello che colpisce particolarmente gli anziani, poco disposti a usare il bancomat.
Dal punto di vista delle banche questi interventi son messe in campo con lo scopo di spingere i clienti a usare i canali a minore costo – ovvero gli sportelli bancomat – massimizzando i ricavi. Inoltre è un’operazione giudicata in linea con le indicazioni non solo dell’Abi sulla riduzione della circolazione del cash, ma anche della Banca d’Italia, sul contenimento dei costi ribadito dal governatore Mario Draghi al recente Forex.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banche: tassa sul prelievo di contante, arriva l’inchiesta