Banche: prestiti solo ai grandi gruppi. Ma i buchi li tappano i piccoli risparmiatori

Uno studio della CGIA di Mestre evidenzia come le banche continuino a favorire le grandi imprese anche se non sono affidabili

L’Ufficio studi della CGIA di Mestre denuncia come il sistema creditizio italiano continui a premiare chi, in buona parte, ha causato il dissesto con cui il Paese sta facendo i conti da alcuni anni: ovvero le grandi famiglie industriali, i gruppi societari e le grandi aziende.

Gli ultimi dati disponibili della Banca d’Italia (riferiti al 30 settembre 2017) dicono che la quota di prestiti ottenuta dal primo 10 per cento degli affidati (vale a dire la migliore clientela che certamente non è costituita da artigiani, piccoli negozianti, partite Iva o piccoli imprenditori) è pari al 79,8 per cento del totale. Per contro, il restante 90 per cento dei clienti ottiene poco più del 20 per cento degli impieghi.

In buona sostanza dei 1.500 miliardi che alla fine dello scorso mese di settembre gli istituti credito italiani avevano erogato a famiglie, imprese e società non finanziarie, 1.200 sono stati prestati a un ristretto numero di soggetti che, è proprio il caso di dire, presenta un elevatissimo potere negoziale.

“Non ci sarebbe nulla di strano se questo primo 10 per cento di affidati fosse solvibile – dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia Paolo Zabeo – una banca, infatti, deve aiutare chi ha bisogno di risorse finanziarie ma, allo stesso tempo, è anche nelle condizioni finanziarie di restituire nei tempi concordati quanto ottenuto. In Italia, invece, le cose continuano ad andare diversamente. Se, infatti, analizziamo l’incidenza percentuale sul totale delle sofferenze bancarie ascrivibile a questo ristrettissimo club di affidati, la quota ammonta all’81 per cento del totale. In altre parole, le grandi imprese continuano a ricevere la quasi totalita’ dei prestiti bancari, sebbene presentino livelli di insolvenza allarmanti”.

Paradossale è la situazione che sta maturando in queste ore nel Veneto. La finanziaria regionale, Veneto Sviluppo, ha deciso di salvare un migliaio di imprese (con ricavi tra i 10 e i 100 milioni di euro) che hanno crediti incagliati con le ex popolari (Veneto Banca e Popolare di Vicenza), attraverso l’istituzione di un apposito fondo che affianchi queste imprese in difficoltà. Un’azione meritevole che, però, come giustamente ha evidenziato il Presidente della Confartigianato, non coinvolgerà decine di migliaia di piccole imprese venete che non rientrano in questa fascia di ricavi, con il pericolo che moltissimi artigiani e piccoli commercianti penalizzati dal fallimento delle due banche venete rimangano senza credito.

Leggi anche:
Banche e risparmi: è partita la rivoluzione Mifid II. Come cambiano le regole?
Banca: arriva il conto corrente senza spese
Quanto costa avere un conto corrente in Italia
Conto corrente, quanto mi costi! Il report della Banca d’Italia
I conti in banca non saranno più protetti, rischio corsa agli sportelli
Bail in e prelievo forzoso, la lista delle banche più a rischio. Come difendersi
Carte di credito: stop a pagamenti extra
Banche, arriva il bonifico istantaneo: trasferire denaro costa di più
Soldi in banca, tutti i rischi che si corrono
Le banche più sicure e quelle più a rischio: la classifica aggiornata

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banche: prestiti solo ai grandi gruppi. Ma i buchi li tappano i piccol...