Banche fallite, rimborsi automatici per i redditi fino a 35mila euro

Gli indennizzi saranno automatici per coloro che hanno un reddito ai fini Irpef entro i 35mila euro l’anno o valori mobiliari sotto i 100mila euro

Rimborsi automatici solo ai clienti delle banche che hanno un reddito fino a 35.000 euro o con un patrimonio immobiliare fino a 100.000 euro. È quanto prevede la proposta presentata dal governo alle associazioni dei consumatori in merito alla vicenda dei sei istituti di credito finiti in default.

Il criterio di selezione si è reso necessario per evitare le obiezioni dell’Unione Europea, contraria a rimborsi automatici e indiscriminati: secondo l’Ue, c’era il rischio di configurare un indebito aiuto di Stato.

La soluzione, in linea con le richieste della Ue, di fatto sancisce il via libera alla linea del doppio binario portata avanti dal ministro dell’Economia Giovanni Tria, e consentirà al governo di ristorare con il miliardo e mezzo di risorse stanziate in legge di Bilancio circa il 90% degli oltre 200mila risparmiatori interessati dai crac degli istituti di credito messi in liquidazione tra il 17 novembre 2015 e il 2017.

Per gli altri ci sarà un arbitrato che il governo ha assicurato sarà più veloce grazie alla tipizzazione delle violazione massive. In pratica verranno tipizzati gli investimenti e “saranno analizzati per grandi categorie e non caso per caso” davanti alla commissione ad hoc che sarà costituita al ministero dell’Economia, secondo quanto ha detto il sottosegretario Massimo Bitonci al termine del tavolo con i risparmiatori spiegando che dopo l’ok alla norma ci sarà “subito il decreto attuativo”.

 

Banche fallite, rimborsi automatici per i redditi fino a 35mila e...