Banche: ai risparmiatori truffati solo un terzo del dovuto

Disponibili i 100 milioni di euro stanziati dal governo con la legge di Stabilità

Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan sta per firmare il decreto ministeriale che sblocca i rimborsi per gli obbligazionisti che hanno perso tutti i risparmi con il fallimento di Banca Etruria, di CariFe, di Banca Marche e di CariChieti. Il provvedimento renderà così disponibili i 100 milioni di euro stanziati dal governo con la legge di Stabilità.

La somma, tuttavia, è pari a circa un terzo dell’ammontare complessivo dei risparmi bruciati con il fallimento delle 4 banche.

In ogni caso, non è detto che il governo rispetti il termine fissato ad oggi 31 marzo per emettere il decreto. Allo stato attuale, si apprende, la situazione è quella descritta prima di Pasqua: si sta ancora aspettando una risposta dall’Europa per aumentare da 100 a 300 milioni il fondo di solidarietà e poter rimborsare tutti gli oltre 10mila obbligazionisti subordinati delle quattro banche, senza passare dagli arbitrati. Almeno per i rimborsi fino a 100mila euro.

Il dubbio di Bruxelles, viene spiegato, è che il pieno rimborso a tutti senza passare dagli arbitrati possa rappresentare un grave precedente che metterebbe in discussione anche la natura stessa del bail in. Perché si partirebbe dal presupposto che le banche (almeno quelle quattro) non siano state trasparenti nella vendita di strumenti finanziari a risparmiatori retail (ovvero correntisti comuni) e si aprirebbe anche la strada alla pretesa di altri rimborsi a pioggia in caso di crisi bancarie future.

Meglio aspettare un sì pieno da parte dell’Europa e procedere al varo di un decreto che veramente riborsi tutti, è il ragionamento di fonti di palazzo Chigi, piuttosto che affrettarsi per produrre un risultato non convincente. Anche perché, continua il ragionamento, la scadenza del 31 marzo prevista dalla legge di Stabilità non è perentoria e comunque si tratterebbe solo di qualche giorno di ritardo.

Da quel che filtra dal ministero dell’Economia, comunque, sembra che con il nuovo decreto ministeriale Padoan possa assumere l’impegno ad aumentare i fondi a disposizione, qualora si rendesse necessario.

Leggi anche:
Banca Etruria, buco da oltre 1 mld. Ma ai responsabili più guadagni che sanzioni
Banca Etruria, la faccia tosta degli amministratori
Bail in e prelievo forzoso, la lista delle banche più a rischio. Come difendersi
Il bail in è “un sistema errato e ingiusto. E’ una misura incostituzionale”
Bail in, il decalogo per difendere i risparmi ed evitare rischi con le banche
Banche: cosa rischia il correntista col ‘bail in’. E come può difendersi
Trucchi, imbrogli e truffe delle banche italiane: come difendersi

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banche: ai risparmiatori truffati solo un terzo del dovuto