Autostrade: esposto dei tedeschi di Allianz all’UE contro il Milleproroghe

"Nessuna violazione dei patti", assicura la Ministra delle Infrastrutture De Micheli

Nuovo capitolo nella delicatissima partita sulle concessioni autostradali che agita i sonni del Governo, insieme ad altre questioni  – Alitalia, ex Ilva e Banca Popolare di Bari in testa – che potrebbero complicare il percorso di Conte & Co.

Il colosso assicurativo tedesco Allianz, tra gli azionisti internazionali di Autostrade per l’Italia, ha presentato alla Commissione Europea un esposto contro la modifica unilaterale dei contratti di concessione autostradale introdotta dal governo italiano con il decreto Milleproroghe, che apre la strada all’ipotesi di revoca della concessione della società. Lo ha riportato l’ANSA.

In particolare, nell’esposto si segnala che l’art. 35 del decreto legge Milleproroghe contrasta con la normativa comunitaria, che garantisce il rispetto dei contratti in essere e la loro non modificabilità unilaterale da parte di un esecutivo di un Paese membro. Nell’esposto verrebbe inoltre segnalata la violazione del principio comunitario ‘pacta sunt servanda’, che fu alla base della procedura di infrazione aperta nel 2006 da Bruxelles nei confronti dell’Italia, quando l’allora ministro Di Pietro modificò i contratti di concessione autostradale per legge.

L’esposto di Allianz si aggiunge alle lettere già inviate sullo stesso tema in questi giorni alle istituzioni comunitarie e italiane da alcuni azionisti del Gruppo Atlantia, come il Gic Fund, il fondo sovrano di Singapore, e da altri azionisti internazionali di Aspi, tra cui il fondo cinese Silk Road Fund.

In senso generale, le iniziative degli azionisti di Atlantia e Aspi evidenziano il malessere degli investitori internazionali che avevano investito sulla holding e sulla sua concessionaria facendo affidamento su regole certe, che davano ai loro investimenti prospettive di rendimento che però rischiano di essere stravolte dalla modifica della concessione.

DE MICHELI: ” NESSUNA VIOLAZIONE DEI PATTI – Con la norma sulle concessioni autostradali contenuta nel Milleproroghe “non vi è stata alcuna violazione del principio ‘pacta sunt servanda’ né una modifica, in senso retroattivo, di una regolamentazione di tipo pattizio”, ha detto la ministra delle infrastrutture Paola De Micheli in audizione alla Camera. “Vieppiù – ha aggiunto – in considerazione del fatto che la disposizione è destinata ad esplicare i propri effetti riguardo ai provvedimenti di decadenza, di revoca o di risoluzione delle concessioni adottati in data successiva al 31 dicembre 2019”.

Con la norma sulle concessioni autostradali contenuta nel Milleproroghe, dunque, “in sintesi, si è provveduto ad eliminare attraverso una disposizione di legge una situazione di privilegio attribuita, sempre per legge, ad alcuni concessionari”. Così ha ribadito la Ministra delle Infrastrutture e Trasporti Paola De Micheli in audizione alle commissioni riunite affari costituzionali e bilancio della Camera sul decreto Milleproroghe.

“La decisione della revoca o meno sulla vicenda Aspi non è stata presa dal Governo. Oggi non c’è una decisione. La sottoscritta sta terminando, insieme agli uffici, di scrivere la relazione finale che presenteremo alla compagine di Governo”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Autostrade: esposto dei tedeschi di Allianz all’UE contro il Mil...