Auto, allarme dell’Ivass: “Attenti alle polizze abbinate all’acquisto”

Tutti i consigli da seguire prima di accettare un'offerta commerciale per l'acquisto di un veicolo a rate

(Teleborsa)Archiviato Ferragosto, con le vacanze ormai agli sgoccioli e proiettati al lungo inverno, tra i progetti per l’imminente futuro c’è l’acquisto di  un’auto nuova? Occhio alle polizze abbinate. A mettere in guardia i consumatori ci ha pensato l’Ivass. L’istituto, infatti, ha pubblicato un report sugli esiti dell’analisi condotta sul mercato delle polizze assicurative abbinate, dai concessionari auto, ai finanziamenti per l’acquisto di veicoli offerti in promozione da diverse case automobilistiche.

STATE A TTENTI A….- Le maggiori criticità  emerse dall’indagine – che ha preso le mosse dai risultati di un mistery shopping effettuato da un’associazione dei consumatori – attengono ai seguenti aspetti: “rapporti societari tra case automobilistiche, enti erogatori dei finanziamenti e imprese assicurative tali da produrre situazioni di conflitto di interesse; elevati costi delle polizze per le alte commissioni riconosciute ai distributori, che raggiungono picchi del 77%; tassi elevati di abbinamento delle polizze ai finanziamenti, con punte del 61% e 75% nel 2016; indicatori di sinistralita’ molto contenuti (da un minimo dello 0,03% a un massimo del 3,82%)”.

L’Ivass, si è appreso da un comunicato, “ha in corso interventi nei confronti degli operatori per rimuovere le criticità riscontrate”. L’indagine fornisce peraltro una serie di consigli per il consumatore da seguire prima di accettare un’offerta commerciale per l’acquisto di un veicolo a rate.

VADEMECUM -L’Ivass non si limita a illustrare le criticità ma scende in campo con consigli utili per porre rimedio. “Se intendi accettare un’offerta commerciale per l’acquisto di un veicolo a rate – consiglia l’Ivass al potenziale consumatore – fai attenzione a eventuali proposte di polizze assicurative a protezione del credito abbinate al finanziamento.

FACOLTA’, NON OBBLIGO – Sappi che hai diritto di rifiutare la sottoscrizione di polizze assicurative abbinate al prestito e che accettare la proposta assicurativa è una tua facoltà, non un obbligo. Se poi vuoi proteggerti dal rischio di non essere in grado in futuro, per eventi indipendenti dalla tua volontà, di rimborsare il debito che stai per contrarre, puoi anche stipulare una diversa polizza a protezione del pagamento del debito con un assicuratore di tua fiducia, che potrebbe offrirti condizioni di assicurazione più convenienti”. “Se decidi di sottoscrivere la polizza abbinata al finanziamento – prosegue – sappi che hai diritto di conoscere, prima della sottoscrizione del contratto, caratteristiche, costi, natura ed estensione delle coperture, massimali, eventuali franchigie, scoperti, ecc.. Verifica nel fascicolo informativo che le condizioni siano adeguate alle tue esigenze: puoi, anche in questo caso, confrontarle con quelle di altre polizze simili presenti sul mercato”.

HO SOTTOSCRITTO LA POLIZZA, MA MI SONO PENTITO. COSA FARE? – Anche dopo aver sottoscritto la polizza – continua l’Ivass – se ritieni di non aver fatto la scelta giusta, hai il diritto recedere dal contratto generalmente entro i successivi 60 giorni. Ma verifica sempre questo termine nelle condizioni di polizza”. “Chiedi al concessionario di fornirti un dettaglio separato dei costi per l’acquisto del veicolo, di quelli derivanti dall’operazione di finanziamento e di quelli connessi alla polizza assicurativa. Ottenute queste informazioni, valuta se lo sconto sul prezzo del veicolo pubblicizzato dall’offerta promozionale è conveniente: se, cioè, ti consente di ottenere un effettivo risparmio, di entità superiore alla somma degli oneri finanziari e commissionali connessi al prestito e alla polizza a protezione del pagamento del debito”, conclude l’Ivass.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Auto, allarme dell’Ivass: “Attenti alle polizze abbinate a...