Aumento Iva, parla Tria: “Sono follie”. Manovra Bis? Non è il momento

E sulla Tav avvisa: "Se si disdicono i contratti e si fanno leggi retroattive, nessuno verrà dallʼestero a investire"

Rumors, indiscrezioni, ipotesi e voci. In questi giorni è andata in scena una vera e propria gara per cercare di anticipare le prossime mosse del Governo che deve muoversi in un contesto economicamente delicato, visto che ha tutti gli occhi puntati addosso.

A fare chiarezza ci ha pensato il Ministro dell’Economia Giovanni Tria, intervenuto ieri sera nella trasmissione in onda su Rete4 “Quarta Repubblica”, iniziando dalla smentita circa una possibile manovra Bis, ipotesi che nelle scorse ore si è fatta strada con una certa insistenza: “Questa storia della manovra correttiva è quasi una fissazione, non la capisco“, ha risposto il ministro Tria sull’argomento.

“Noi siamo tra la stagnazione e la recessione, cosa si intende per manovra correttiva? Più tasse e meno spesa. Mi chiedo, in una situazione come quella dell’Italia e dell’Europea è utile? Non bisogna essere keynesiani per capire che non è il momento”, ha affermato. Quanto al deficit, ha assicurato, “viene tenuto sotto controllo”.

AUMENTO IVA?FOLLIE – Il Titolare del dicastero di Via XX Settembre allontana anche lo scenario di un aumento dell’Iva, eventualità che era stata anticipata nella giornata di ieri da alcuni giornali che ipotizzavano che fosse al vaglio del Governo un mini aumento, dal 22 al 23%: “Sono tutte follie,non solo perché non ne parliamo, ma perché sarebbe sbagliato fare questo dal punto di vista della politica economica. Perché si deve fare una manovra per mettere più in difficoltà le imprese italiane?”. 

IL MONITO SULLA TAV – Non manca neanche un passaggio su Tav e infrastrutture che suona come un allarme: “bisogna capire che nessuno verrà mai ad investire in Italia, con investimenti di lungo termine, se il Paese mostra un governo che cambia, non sta ai patti, cambia i patti, cambia le leggi e le fa retroattive”, ha precisato. “Queste infrastrutture sono di lungo termine – ha aggiunto Tria – non si può pensare che questo governo cade, viene un nuovo governo e disdicono tutti i contratti”. 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963