Assegno di divorzio: la Cassazione dice addio al tenore di vita

Rivoluzione della Suprema Corte: il mantenimento, scrivono i giudici, non va riconosciuto a chi è indipendente economicamente

Rivoluzione della Cassazione sull’assegno di divorzio che fino ad oggi era collegato al parametro del tenore di vita goduto durante il matrimonio, una pietra miliare che dopo 30 anni va in soffitta. D’ora in poi, a contare sarà il criterio dell’indipendenza o autosufficienza economica dell’ex coniuge che lo richiede. Il matrimonio non è più la “sistemazione definitiva”: sposarsi, scrive la Corte, è un “atto di libertà e autoresponsabilità”.

Lo comunica Cassazione con una nota, spiegando che “la prima sezione civile, con la sentenza n. 11504, ha superato il precedente consolidato orientamento, che collegava la misura dell’assegno al parametro del ‘tenore di vita matrimoniale’ indicando quale parametro di spettanza dell’assegno – avente natura ‘assistenziale’ – l’indipendenza o autosufficienza economica dell’ex coniuge che lo richiede”.

RIVOLUZIONE DELLA SUPREMA CORTE – La Corte ha ritenuto che il parametro del tenore di vita goduto durante il matrimonio non sia più un orientamento “attuale”: con la sentenza di divorzio, osserva la prima sezione civile, “il rapporto matrimoniale si estingue non solo sul piano personale ma anche economico-patrimoniale, sicché ogni riferimento a tale rapporto finisce illegittimamente con il ripristinarlo, sia pure limitatamente alla dimensione economica del tenore di vita matrimoniale, in una indebita prospettiva di ultrattività del vincolo matrimoniale”.

NUOVI CRITERI – Per questo va individuato un “parametro diverso” nel “raggiungimento dell’indipendenza economica” di chi ha richiesto l’assegno divorzile: “Se è accertato – si legge nella sentenza – che (il richiedente) è economicamente indipendente o effettivamente in grado di esserlo, non deve essergli riconosciuto tale diritto”. I principali indici che la Cassazione individua per valutare l’indipendenza economica di un ex coniuge sono il “possesso” di redditi e di patrimonio mobiliare e immobiliare, le “capacità e possibilità effettive” di lavoro personale e “la stabile disponibilità” di un’abitazione.

TERREMOTO GIURISPRUDENZIALE – Si tratta di una vera rivoluzione, come sottolinea in una nota Gian Ettore Gassani, presidente dell’associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani, che non esita a parlare di “terremoto giursprudenziale”. “La Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n. 11504/17, ha rivoluzionato il diritto di famiglia in tema di riconoscimento dell’assegno divorzile e dei criteri per la sua quantificazione – scrive Gassani -. La Cassazione ha cambiato il criterio per riconoscere l’assegno al coniuge economicamente più debole e ha ritenuto che non sia più possibile valutare come parametro il tenore di vita dei coniugi goduto in costanza di matrimonio”.

“Secondo i giudici – prosegue il presidente degli avvocati matrimonialisti – l’assegno divorzile può essere riconosciuto soltanto se chi lo richiede dimostri di non poter procurarsi i mezzi economici sufficienti al proprio mantenimento. Viene spazzato via un principio sancito nel 1970 dalla legge 898 che ha introdotto il divorzio in Italia. Si tratta quindi di un terremoto giurisprudenziale in linea con gli orientamenti degli altri Paesi europei nei quali l’assegno divorzile dipende essenzialmente dai patti prematrimoniali”.

Leggi anche:
Se l’ex non paga l’assegno di mantenimento, ci pensa lo Stato
Cassazione, niente assegno di mantenimento se l’ex convive
L’infedeltà costa: chi tradisce paga gli alimenti
Come calcolare il mantenimento all’ex coniuge
Cassazione, l’assegno di mantenimento deve essere uguale per tutti i figli
Divorzi: più controlli sugli assegni di mantenimento e sulla divisione degli immobili
Divorzio breve: sarà più facile dirsi addio

Assegno di divorzio: la Cassazione dice addio al tenore di vita