Assegni familiari ai lavoratori autonomi: quando spettano

Ci sono alcune -poche- categorie di lavoratori autonomi che possono goderne. Gli importi sono più bassi di quelli dei lavoratori dipendenti

Gli assegni al nucleo familiare (ANF) sono quei contributi mensili che l’Inps riconosce ai lavoratori dipendenti per aiutarli nel sostegno della loro famiglia.
Gli ANF non sono riconosciuti agli autonomi. Tuttavia, ci sono alcune -poche- categorie di lavoratori autonomi che possono godere di uno strumento simile, il cosidetto “assegno familiare” il cui importo è più basso dell’ANF.

CHI NE HA DIRITTO – Solo in alcuni casi, infatti, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale riconosce ai lavoratori autonomi un contributo economico mensile per il sostegno dei familiari a carico; nel dettaglio, sono:

  • i coltivatori diretti (o anche coloni e mezzadri);
  • i piccoli coltivatori diretti;
  • i titolari delle pensioni a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi (artigiani e commercianti compresi).

IMPORTI – Gli importi degli assegni familiari per i lavoratori autonomi, però, sono più bassi di quelli degli assegni al nucleo familiare (ANF) dei lavoratori dipendenti: infatti, ai coltivatori diretti, coloni e mezzadri spettano appena 8,18 euro mensili per ogni familiare a carico, mentre per i pensionati iscritti alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi si sale a 10,21 euro. Ai piccoli coltivatori diretti, invece, sono riconosciuti 1,21 euro per ogni genitore a carico o equiparati.

SOGLIE DI REDDITO – Un piccolo aiuto economico che tra l’altro è riconosciuto solamente quando il nucleo familiare si trova al di sotto di una determinata soglia di reddito, variabile a seconda del numero dei componenti. Nel dettaglio, per una famiglia formata da due persone il reddito familiare annuale oltre il quale cessa la corresponsione di tutti gli assegni familiari o quote di maggiorazione di pensione è di 19.222,07 euro. Si sale rispettivamente a 24.711,85 euro, 29.515,81 euro, 34.319,82 euro e 38.896,38 euro fino ad arrivare a 43.472,19 euro per i nuclei familiari composti da 7 o più persone.

REQUISITI – Per averne diritto è necessario, inoltre, che il familiare per cui si richiede sia considerato a carico: ciò significa che questo non deve avere un reddito superiore a 707,54 euro (nel caso del coniuge, del genitore e di ciascun figlio) o di 1.238,19 euro (per due genitori o equiparati). Infine, nel caso dei figli e dei nipoti bisogna rispettare anche un requisito anagrafico, poiché gli assegni familiari spettano solo nel caso in cui questi abbiano meno di 18 anni. Si possono richiedere anche per i figli di età inferiore a 21 anni (ma solo se apprendisti o studenti) o di 26 anni (se studenti universitari non fuori corso). Non è richiesto alcun requisito anagrafico, invece, per figli e nipoti a carico che risultano inabili al lavoro.

In collaborazione con Adnkronos

Leggi anche:
Assegni nucleo familiare 2018: gli importi
Assegni familiari: aggiornate in lieve rialzo le soglie di accesso
Assegni familiari, cambiano le modalità di richiesta
Reddito di inclusione: ecco quanto darà lo Stato agli italiani in difficoltà

Assegni familiari ai lavoratori autonomi: quando spettano