Arriva la carta famiglia: sconti per chi ha almeno tre figli a carico

La card sarà destinata a famiglie con almeno tre figli, con età fino a 26 anni, residenti in Italia anche se stranieri

Via libera alla card destinata alle famiglie con almeno tre figli minori a carico che dà accesso a sconti per l’acquisto di beni e servizio. Un emendamento alla Legge di Stabilità 2016, approvata alla Camera e adesso passata al Senato, ha istituito la card destinata alle famiglie costituite da cittadini italiani o stranieri, regolarmente residenti in italia, con almeno tre figli a carico di età non superiore a 26 anni.

A cosa serve e come funziona la card- Chi farà domanda e per aderire alla carta famiglia potrà usufruire di sconti per l’acquisto di beni e servizi. Più in dettaglio, in base all’Isee la carta consentirà di avere sconti tariffari dai gestori di servizi privati e pubblici che aderiscono all’iniziativa. L’obiettivo della card famiglia è di accedere a sconti sull’acquisto di beni e servizi, bonus spesa compresi, oppure di ottenere riduzioni tariffarie dai soggetti pubblici o privati che sposeranno l’iniziativa.

Biglietti per trasporti, mostre e cinema – La “card” ha validità biennale e verrà rilasciata dai Comuni “previo pagamento degli interi costi di emissione”, con criteri stabiliti sulla base dell’Isee con decreto dei ministero del Lavoro insieme a Mef e il Mise. Le famiglie indigenti potranno così acquistare “biglietti e abbonamenti famigliari per servizi di trasporto, culturali, sportivi, ludici, turistici ed altro“.

Social card -L’emendamento alla Legge spiega che è funzionale alla creazione di 1 o anche più gruppi di acquisto familiare o solidale a livello nazionale (Gas o Gaf). La card famiglia e la classica social card, quindi, sono due misure diverse. Mentre la prima da diritto a sconti su beni e servizi, la seconda è una carta acquisti, con denaro accreditato da spendere. Le due card non vanno confuse.

Indigenti – Il capitolo “poveri” della legge contiene anche altri provvedimenti dedicati alle famiglie disagiate. Verrà aumentato di sette milioni in due anni (2016 e 2017) il fondo previsto dalla legge del 2012 per il finanziamento della distribuzione di cibo alle persone indigenti. Il cibo viene consegnato attraverso associazioni caritatevoli.

Arriva la carta famiglia: sconti per chi ha almeno tre figli a ca...