Voli cancellati e mancati rimborsi, Alitalia e Volotea nel mirino dell’Antitrust

L'Autorità ha aperto due provvedimenti istruttori. A motivarli, anche un servizio di assistenza ai clienti inadeguato

Alitalia e Volotea nel mirino dell’Antitrust. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha infatti avviato due procedimenti istruttori e due sub-procedimenti cautelari nei confronti delle due compagnie aeree, sulla base delle numerose segnalazioni ricevute da parte dei consumatori.

A motivare i procedimenti è stata in particolare la vendita di biglietti, poi cancellati nonostante il servizio si sarebbe svolto in un periodo non soggetto ai limiti di circolazione stabiliti dai provvedimenti governativi, e per di più “rimborsati” ai clienti con la messa a disposizione di voucher, anziché tramite la restituzione dell’importo versato.

Cancellazione dei voli

A finire sotto la lente dell’Autorità potrebbero essere anche altri vettori. “Oggetto dei procedimenti”, ha sottolineato l’Antitrust in una nota, “è la vendita di biglietti che sono stati in seguito cancellati dalle due compagnie a causa del Covid-19, pur trattandosi di servizi da svolgere in un periodo nel quale non sarebbero stati vigenti i limiti di circolazione stabiliti dai provvedimenti governativi”.

Altra criticità, contro cui l’Autorità si era già espressa nelle scorse settimane, il fatto che “entrambe le compagnie hanno offerto l’erogazione di un voucher“, al posto “del rimborso del prezzo del biglietto già pagato dai consumatori.

Uso dei voucher

Proprio a questo proposito, la Commissione europea nelle scorse ore ha fatto scattare una doppia procedura di infrazione a carico dell’Italia e di altri Paesi, contestando il mancato rispetto delle regole sui diritti dei passeggeri relativamente ai voli cancellati a cui è seguita l’emissione di voucher. Secondo la Commissione UE, le regole varate dal Governo italiano sono incompatibili con le direttive comunitarie, anche per quanto concerne i viaggi in treno e bus.

Informazione e assistenza carenti

L’Antitrust ha inoltre criticato le due compagnie aeree per “non aver fornito un’adeguata informazione ai consumatori quanto ai diritti spettanti in caso di cancellazioni”, come invece previsto dalle norme europee sulla tutela dei passeggeri. Ad Alitalia e Volotea è stato anche contestato “di aver predisposto un servizio di assistenza carente sui tempi di attesa e e sui canali di comunicazione messi a disposizione dei passeggeri”. Una critica condivisa da decine di persone, che nelle ultime settimane si sono lamentate dei lunghissimi tempi di attesa, che hanno anche superato le due ore, per poter parlare con un operatore.

La risposta di Volotea

In risposta all’iniziativa di Antitrust, Volotea ha comunicato in una nota di considerare “la totale soddisfazione dei suoi passeggeri come il suo obiettivo primario”. La compagnia ha quindi fatto sapere che “sta già collaborando con l’Autorità affinché possa essere fatta piena chiarezza sulle condotte oggetto di verifica con la consapevolezza di aver sempre operato nel pieno rispetto della normativa nazionale e dell’Unione europea, anche in un momento di grave difficoltà per il trasporto aereo come conseguenza del Covid-19”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Voli cancellati e mancati rimborsi, Alitalia e Volotea nel mirino dell...