Alitalia, se chiami e nessuno ti risponde paghi lo stesso: viaggiatori furiosi

Alitalia non risponde al telefono ma addebita lo stesso la chiamata ai propri clienti

Quante volte ci sarà successo di rivolgerci al servizio clienti senza ricevere alcuna risposta? Linee intasate e centralini occupati, però, non ci scoraggiano. Siamo in cerca di risposte e siamo disposti ad aspettare pur di averle, anche se questo si traduce in lunghi minuti di attesa scanditi da musichette che, spesso, non fanno che peggiorare la situazione. Ovviamente, nella maggior parte dei casi, proviamo e riproviamo perché farlo non ci costa niente, se non una perdita di tempo. Ma come vi sentireste se, oltre al disturbo di non essere riusciti a risolvere il problema, vi venisse accreditato un importo per una chiamata senza risposta? Questo è successo ai viaggiatori Alitalia, che si sono ritrovati a pagare un importo per una telefonata che non c’è mai stata.

Alitalia, tra disagi e voli cancellati l’ultima beffa ai viaggiatori: se chiami e nessuno ti risponde paghi lo stesso

Ripartire dopo il lockdown non è stato facile per tutti. Aeroporti e compagnie aeree sono stati tra i più colpiti dall’emergenza Coronavirus, tant’è che ancora oggi per questi risulta difficile gestire senza intoppi il “ritorno alla normalità”. A pagarne le conseguenze però, oltre ai lavoratori che rischiano di perdere il posto, sono anche i viaggiatori, costretti a dimenarsi tra voli cancellati all’ultimo minuto e prezzi dei biglietti sempre più alti.

Diversi lettori hanno scritto a QuiFinanza lamentando le gravi mancanze del servizio clienti di Alitalia, in grande difficoltà nel rispondere prontamente alle richieste dei clienti. Ma c’è di più: la cosa più grave è che molti viaggiatori che hanno scelto la compagnia per viaggiare si sono visti addebitare in questi giorni costi nella bolletta telefonica per servizi non resi.

In pratica, molti di coloro che stanno chiamando il centralino Alitalia non solo non stanno ricevendo risposte, per via delle linee intasate e gli operatori non disponibili) ma hanno addirittura pagato una chiamata fatta al servizio clienti che, di fatto, non c’è stata.

Costi e servizi che mancano

Come rilevato anche da Il Fatto Quotidiano, il costo della chiamata ai centralini Alitalia è pari a 0,64 cent di euro al minuto (senza scatto alla risposta). Gli importi vengono accreditati al cliente fin da subito e non al momento della connessione con l’operatore, cioè quando qualcuno effettivamente risponde alla chiamata. Per intenderci, si inizia a pagare già quando la voce registrata aggiorna l’interlocutore sui tempi di attesa.

Qualcuno dirà: c’è la possibilità di contattare la compagnia con altri mezzi? Al contrario dei servizi garantiti da altre compagnie (anche low cost), Alitalia non si è ancora attivata per sviluppare e rendere celere ed efficiente il servizio di posta elettronica o la risoluzione dei problemi online tramite operatori chat o form per reclami e richieste.

Noi di QuiFinanza abbiamo provato a capire come mai tanta inefficienza. Mentre sul discorso addebito nulla è dato sapere, diversi dipendenti ci hanno riferito, in forma anonima, che il motivo per cui i clienti vengono automaticamente messi in attesa durante la chiamata, e costretti ad attendere a lungo, è che chi si occupa del call center è stato messo in smart working dall’azienda, a meno ore, e si trova a gestire un flusso di telefonate molto elevato, per non dire impossibile.

Inutile dire che, per questi e tanti altri motivi, alto è il malcontento dei viaggiatori. Sull’accaduto Alitalia, ad oggi, non si è ancora ufficialmente espressa.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Alitalia, se chiami e nessuno ti risponde paghi lo stesso: viaggiatori...