Addio sterlina di carta: sarà in plastica, e prodotta in Italia

Produzione affidata al centro stampa del gruppo Officine Meccaniche Cerruti di Casale Monferrato

Niente carta, siamo inglesi: l’Inghilterra si prepara a sostituire le proprie banconote in carta con altre in propilene, considerate più durevoli e più difficili da falsificare, e la produzione è stata affidata ad un’azienda italiana.

La Bank of England manda in pensione le banconote di carta. Rompendo una tradizione di 322 anni, il governatore Mark Carney ha deliberato la preparazione di nuove banconote di plastica.

Si parte con le 5 sterline per seguire immediatamente con le banconote da 10 sterline. Una rivoluzione che, come racconta La Stampa, nasce nel centro stampa del gruppo Officine Meccaniche Cerruti di Casale Monferrato.

Le nuove sterline made in Italy saranno molto più resistenti, giacchè il propilene garantisce una maggiore durata, fino a due volte e mezzo di più rispetto a quelle di carta. Ma, soprattutto, le banconote di plastica non si rovinano nemmeno a contatto con l’acqua. In secondo luogo sarà pressoché impossibile contraffarle. È stata proprio la Cerutti a studiare la “finestrella anti contraffazione” in cui vengono inseriti speciali sistemi di sicurezza. Adesso aspettano solo il via libera della Bank of England per iniziare la produzione.

Leggi anche:
Come riconoscere la nuova banconota da 20 euro
Germania: sì a controllo contanti, addio banconota da 500 euro
Il mistero della ‘sparizione’ delle banconote da 500 euro
Monete rare: ecco le lire italiane che valgono una fortuna
Spiccioli d’oro: un centesimo di euro ‘difettoso’ può valerne 2.500. Ecco quando

Addio sterlina di carta: sarà in plastica, e prodotta in Italia