Acquisti? L’87% degli internauti li fa online

In Italia continua a crescere l'e-commerce

(Teleborsa)  “Scendo un attimo al negozio sotto casa e torno”. Fino a qualche tempo unica “strada”, è proprio il caso di dirlo, per fare acquisti. Poi arrivò internet. E tutto (o quasi) cambiò. Gli acquisti? Sono sempre più a portata di click e di desk con le-commerce che in Italia fa passi da gigante, sale in cattedra e sembra destinato a dettare le regole del mercato del futuro. L’identikit dell’internauta? Sempre più e-consumer.

Chiamatela esigenza di risparmiare qualche euro oppure pigrizia che si lascia tentare dagli occhi dolci della comoda di poltrona di casa e, dunque, dall’opportunità di acquistare restando comodamente seduti, magari in pantofole e con un click dal proprio telefonino, fatto sta che sono sempre di più i consumatori fedelissimi del web: dall’abbigliamento alla tecnologia, dai viaggi ma anche libri e farmaci, in Rete ormai si compra di tutto e di più.
Aumentano, infatti, le cosiddette “vetrine” online con la platea dei clienti che cresce sempre di più.

UN DATO PLEBISCITARIOL’87% degli italiani che navigano in internet dichiara, infatti, di fare acquisti online. I dati emergono dalla Global Survey di Nielsen Connected Commerce effettuata su un campione di 30.000 individui in 63 Paesi, tra i quali appunto l’Italia.

“L’ecommerce – ha dichiarato l’amministratore delegato di Nielsen Italia Giovanni Fantasia – sta ridisegnando il concetto stesso di fare acquisti e le sue declinazioni. Occorre inserire l’acquisto in un più ampio processo all’interno del quale sono rintracciabili esperienze valoriali differenti. Ci riferiamo soprattutto all’esigenza dei consumatori sempre più consolidata di richiedere un maggior numero di informazioni relativamente a ciò che devono acquistare rispetto al passato”.

Addio, perciò, al caro vecchio negozio fisico? Neanche per sogno. Internauti e-consumer di tutto il mondo però, aspettate a cantare vittoria perchè il ruolo del negozio fisico rimane decisivo. Ciò avviene soprattutto nel comparto degli alimentari freschi, dove il 38% degli italiani afferma che le visite ‘in store’ risultano indispensabili per la formulazione della decisione di acquisto.

Premessa: che l’acquisto avvenga online o in store, poco importa. L’obiettivo è uno solo: riuscire a tutelare il cliente che deve, perciò, avere a portata di mano o, appunto, di click, fate voi, una serie di garanzie.

“Ci troviamo davanti – ha sottolineato ancora Fantasia – alla sfida di dovere considerare che i confini tra digitale e fisico risultano sfuocati. Per esempio, si passa dalle recensioni online del prodotto, alla lettura di volantini, al passaparola e, soprattutto, a quanto si può reperire all’interno dello store fisico dal personale addetto alla vendita. Come si vede, si tratta di strumenti a cavallo tra il fisico e il virtuale. Come emerge dalla ricerca, l’obiettivo che si pone attualmente la grande distribuzione deve essere quello di favorire l’engagement e la soddisfazione dello shopper attraverso molteplici touchpoint durante il percorso d’acquisto. Solo in questo modo – ha concluso l’a.d. di Nielsen Italia – si può sostenere e corroborare la propensione al consumo del cliente, che deve essere sempre più accompagnato nel “sentiero” che porta al prodotto”.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Acquisti? L’87% degli internauti li fa online