A maggio le domande per i contributi a fondo perduto: quanto spetta

Il Decreto Sostegni ter ha istituito uno specifico fondo per aiutare le attività di commercio al dettaglio che più sono state danneggiate dalla pandemia

Il Decreto Sostegni ter ha istituito uno specifico fondo per aiutare le attività di commercio al dettaglio che più sono state danneggiate dalla pandemia. Si tratta del cosiddetto Fondo per il rilancio delle attività economiche, cui è stata garantita una dotazione di 200 milioni di euro solo per il 2022.

A chi spetta l’aiuto

Possono accedere al contributo le imprese che svolgono in via prevalente un’attività di commercio al dettaglio, identificate da specifici codici della classificazione delle attività economiche ATECO (l’elenco completo delle attività ammesse lo trovate qui), che presentino:

  • un ammontare di ricavi, riferito al 2019, non superiore a 2 milioni di euro e che
  • hanno subito una riduzione del fatturato nel 2021 non inferiore al 30% rispetto al 2019.

Le imprese, inoltre, devono possedere i seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda:

  • avere sede legale od operativa nel territorio dello Stato e risultare regolarmente costituite, iscritte e «attive» nel Registro delle imprese
  • non essere in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatorie
  • non essere già in difficoltà al 31 dicembre 2019, fatte salve le eccezioni previste dalla disciplina europea di riferimento in materia di aiuti Stato
  • non essere destinatarie di sanzioni interdittive.

Quanto spetta di contributo: come si calcola

L’agevolazione è riconosciuta sotto forma di contributo a fondo perduto. Nello specifico, le risorse finanziarie destinate all’intervento sono ripartite tra i soggetti aventi diritto, riconoscendo a ciascuno un importo determinato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare medio mensile dei ricavi relativi al periodo d’imposta 2021 e l’ammontare medio mensile dei ricavi riferiti al periodo d’imposta 2019.

Questo lo schema per sapere quanto spetta:

  • 60%, per i soggetti con ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 non superiori a 400mila euro
  • 50%, per i soggetti con ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 superiori a 400mila euro e fino a 1 milione
  • 40%, per i soggetti con ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 superiori a 1 milione e fino a 2 milioni.

Come e quando fare domanda

I commercianti che rispettino i requisiti possono presentare domanda per il contributo a fondo perduto a partire dalle ore 12.00 di martedì 3 maggio e fino alle ore 12.00 di martedì 24 maggio, esclusivamente tramite la procedura online che sarà messa a disposizione per tempo dal MISE.

I documenti da scaricare e compilare per fare domanda

Qui trovate tutti i documenti necessari alla compilazione della domanda:

Allegato 1 – Modello di istanza 
Allegato 2 – Oneri informativi
Allegato 3 – Informativa trattamento dati personali 

Per una corretta compilazione, potete consultare le istruzioni qui.

Gli allegati, disponibili in formato word, prima di essere caricati sulla piattaforma, devono essere trasformati in file pdf e firmati digitalmente, cioè sottoscritti con firma autografa, allegando anche copia di un documento di identità.

Allegati da compilare in caso di società

Allegati da compilare in caso di ditta individuale

Allegati da compilare in caso di consorzi/società consortili