Incendi in Sardegna, 100 milioni per le famiglie e le Pmi colpite dal disastro

Il Banco di Sardegna ha destinato 100 milioni di euro per finanziare la ripresa dal disastro ambientale che ha colpito diverse zone dell'isola

Il Banco di Sardegna ha annunciato un’iniziativa straordinaria del valore di 100 milioni di euro da destinare alle famiglie, ai lavoratori autonomi e alle piccole e medie imprese residenti nei territori colpiti dai disastrosi roghi che hanno interessato oltre 20 mila ettari, distruggendo coltivazioni, pascoli, aziende e boschi secolari nei territori del Montiferru, della Planargia, della Marmilla e dell’Alto Campidano.

La misura si chiama Sardegna Fronte Comune – Incendi e si potrà aderire a partire dal 2 agosto 2021. Prevede finanziamenti a breve termine a tasso e costi zero oppure fino a 10 anni a un tasso dell’1% fino a due anni di preammortamento. Sarà inoltre possibile la sospensione delle rate per i finanziamenti in essere.

Con i prestiti agevolati e la moratoria, la banca sarda ha deciso di aiutare i soggetti colpiti dal disastro ambientale a fare fronte a esigenze di liquidità immediata, per il riavvio delle attività economiche o interventi di ricostruzione. Per accedere a Sardegna Fronte Comune – Incendi è necessario recarsi in una delle 319 filiali del gruppo bancario.

Incendi in Sardegna, 100 milioni per le famiglie e i liberi professionisti

Queste le misure a cui possono accedere i liberi professionisti e le famiglie.

  • L’apertura temporanea di credito in conto corrente fino a 20 mila euro, della durata massima di 12 mesi, con tasso fisso dello 0%.
  • Il credito in conto corrente si può convertire in prestito personale fino a 20 mila euro, della durata minima di 19 mesi e della durata massima di 60, con un piano di ammortamento alla francese, con tasso fisso dell’1%.
  • Prestito personale fino a 30 mila euro, della durata minima di 19 mesi e massima di 10 anni per i soggetti che devono sostenere le spese per il ripristino di una quota dei propri patrimoni, con tasso fisso dello 0% i primi due anni e dell’1% in quelli successivi.

Incendi in Sardegna, 100 milioni per le piccole e medie imprese

Queste le misure a cui possono accedere le piccole e medie imprese.

  • L’apertura temporanea di credito in conto corrente fino a 30 mila euro, della durata massima di 12 mesi, con tasso fisso dello 0%, previa presentazione di autocertificazione dei danni subiti con Dichiarazione sostitutiva di atto notorio.
  • Il credito in conto corrente si può convertire in prestito aziendale a medio termine fino a 30 mila euro, della durata minima di 19 mesi e della durata massima di 60, con un piano di ammortamento alla francese, con tasso fisso dello 0% nel periodo di preammortamento e poi dell’1%.
  • Finanziamento chirografario a medio termine fino a 50 mila euro, della durata di massimo 10 anni, per le Pmi colpite dai roghi in Sardegna, per il ripristino di una quota dei propri patrimoni. Tasso fisso dello 0% i primi due anni e dell’1% i successivi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Incendi in Sardegna, 100 milioni per le famiglie e le Pmi colpite dal ...