Decreto Sostegni, i nuovi aiuti alle imprese in arrivo ad aprile

Nuovi aiuti in arrivo per le imprese con il dl Sostegni: il piano di Draghi

Il nuovo Governo Draghi è al lavoro per fronteggiare, con le risorse a propria disposizione, la crisi scatenata dall’emergenza Covid. E così, se da un lato è intervenuto rivoluzionando e provando a dare un’accelerata al piano vaccinale, dall’altro l’Esecutivo si sta muovendo per mettere a punto nuove misure destinate a chi è stato più colpito dalle chiusure e le restrizioni anti contagio in Italia: nuovi ristori sono in arrivo per le imprese ad aprile, lo aveva annunciato il sottosegretario all’Economia, Claudio Durigon, poi è arrivata la conferma anche dello stesso Presidente del Consiglio.

Decreto Sostegni, nuovi aiuti alle imprese: gli importi

Attraverso un nuovo scostamento di bilancio, che lascia allo Stato italiano più margini di intervento, in occasione della presentazione del Documento di Economia e Finanza il Governo ha intenzione di mettere a programma e definire gli aiuti da destinare alle imprese già a partire da aprile (mese in cui ci sarà una nuova stretta che riguarderà spostamenti e attività commerciali).

Stando alle stime dei tecnici del Tesoro, i ristori arriveranno a circa 2,8 milioni di soggetti (Partite Iva comprese), con indennizzi che si aggireranno intorno ai 4 mila e 200 euro – in media – per ciascuno.

Chi saranno i destinatari dei nuovi aiuti del decreto Sostegni, in arrivo ad aprile

Sebbene criteri di assegnazione e requisiti non siano ancora stati ufficialmente definiti – per quello infatti si rimanda alla pubblicazione ufficiale del decreto Sostegni – è stato già anticipato che i ristori in arrivo ad aprile interesseranno le imprese più colpite dall’emergenza (come per esempio quelle operanti nel settore turismo), con aiuti mirati anche ai lavoratori più provati dalla crisi (come gli stagionali).

Il meccanismo di assegnazione, invece, sarà probabilmente lo stesso, ovvero: si terranno in considerazione le perdite subite a causa delle restrizioni anti contagio, si individueranno le imprese e le aziende sulla base del loro codice ATECO e si procederà con l’erogazione degli indennizzi.

Sono previste, infine, delle aliquote di rimborso che tengano conto del giro di affari. Superata l’idea iniziale di aliquote variabili dal 15% al 30%, sembrerebbe essersi fatta strada l’ipotesi che prevede l’approvazione di tre aliquote diverse, e cioè:

  • rimporsi pari al 20% delle perdite subite per ricavi fino a 400 mila euro;
  • rimborsi pari al 15% delle perdite subite per ricavi compresi tra compresi tra 400 mila e 1 milione di euro;
  • rimborsi pari al 10% delle perdite subite per ricavi compresi tra compresi tra 1 e 5 milioni di euro.

Ma il Governo potrebbe introdurre una quarta percentuale di rimborsi – pari al 25% – per le imprese con fatturato minore di 400 mila euro.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Decreto Sostegni, i nuovi aiuti alle imprese in arrivo ad aprile