Startup, possibile modificare lo statuto e l’atto costitutivo online

Un decreto del Ministero dello Sviluppo Economico permette alle startup innovative costituite online di modificare lo statuto e l’atto costitutivo su Internet

Sempre più startup innovative vengono costituite online grazie allo strumento messo a disposizione dal Governo con lo “Startup Act”. Da quando è attivo lo strumento sono 444 le startup che lo hanno utilizzato e le richieste che arrivano al Ministero dello Sviluppo Economico aumentano di giorno in giorno. Per facilitare il lavoro ai giovani imprenditori che investono in innovazione, il MISE, attraverso un decreto ministeriale, ha deciso che le startup innovative costituite online, possono modificare su Internet anche lo statuto e l’atto costitutivo utilizzando semplicemente la firma digitale.

Quali aziende potranno utilizzare lo strumento

Introdotto con lo Startup Act italiano, la possibilità di costituire la propria azienda online attraverso la firma digitale non ha fatto i proseliti che il Governo sperava. In primis a causa della poca conoscenza dello strumento da parte di cittadini e di giovani imprenditori che vogliono creare una startup innovativa. Nelle idee del governo, la possibilità di creare la propria azienda innovativa online permetteva alle startup di risparmiare fino a 2000 euro di imposte iniziali.

Ancora un mese

La possibilità di modificare lo statuto e l’atto costitutivo online utilizzando la firma digitale non sarà attivo fin da subito. Per permettere alle software house di aggiornare i programmi, il Ministero dello Sviluppo Economico ha deciso di posticipare l’entrata in vigore al 22 giugno 2017. Nel frattempo, però, gli imprenditori potranno continuare a costituire le startup innovative online e nel caso modificare lo statuto dopo l’entrata in vigore della norma.

Startup, possibile modificare lo statuto e l’atto costitutivo o...